Utente
Salve ho 22 anni alto 175 e peso 80 kg e ormai da oltre due anni soffro di prostatite abatterica.
Inizialmente ebbi una candida che cura tempestivamente con il dermatologo da allora ebbi sempre come unico sintomo la sensazione di non svuotamento completo della vescica e continuo stimolo ad andare in bagno.
Spesso i sintomi sparivano per poi riapparire per qualche giorno tutto questo periodicamente.
Fu allora che andai da un urologo che mi prescrisse permixon per 1 mese 1 al giorno e riflog supposte per 10 giorni più urinocoltura spermio cultura ed ecografia transrettale.
Risultó tutto negativo tranne che per qualche microcalcificazione nella vescica e il medico mi disse che si trattava di prostatite abatterica, ripalpando la prostata la trovò migliorata.
Mi riprescrisse permixon per 7 mesi e 30 giorni di riflog con pause.
Adesso alla fine della cura continuo una volta ogni tanto a stare male per circa 5 giorni e poi di nuovo bene, ho notato inoltre che apparte il bisogno impellente di andare in bagno (seppur in maniera un po' più moderata, ma sempre molto fastidioso) si è aggiunto un leggero fastidio durante l 'eiaculazione, e lo sperma nei periodi dove sto male tende ad essere meno denso e con un colore più trasparente, qualche fitta, e durante i rapporti sento come se avessi la necessità di espellere urina questo lo rende sgradevole.
Il medico pensó che dato il mio lavoro di cuoco il problema fosse legato all' alimentazione un pochino disordinata.
Adesso dovrei rivedere il dottore ma vista la situazione di emergenza preferisco rinviare di almeno due mesi, e non volendo sospendere del tutto il trattamento volevo continuare a prendere almeno il permixon, essendo che è molto costoso e non riesco più a sostenerne il costo lo sto sostituendo con il prostamol, ed eventualmente dato che ormai è passato più di un anno con scarsi risultati vorrei sentire un altro neurologo.
Ormai sono a casa da oltre 2 settimane e mangio con orari più regolari etc... Ma in una delle due ho avuto comunque problemi.

Scusate il messaggio molto lungo, voi cosa ne pensate della situazione, avete consigli da darmi?
Il prostamol è un buon sostituto?
Pensate sia normale che dopo questa cura non si sia ancora risolto molto?



Grazie mille
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Sulla sostanziale importanza delle attenzioni allo stile di vita abbiamo già scritto infinite volte nei nostri consulti. In queste situazioni, non essendo disponibili terapie di sicura efficacia, ogni specialsita si affida alle sue abitudini ed alla sua fantasia. L'integratore alimentare a base di estratto di palma nana (serenoa repens) è in uso da decenni per i disturbi legati all'ingrossamento prostatico benigno dell'età matura, condizione in cui la sua efficacia è comunque piuttosto variabile ed imprevedibile. Nella prostatite giovanile l'efficacia è ancora più dubbia ed incostante, in genere il prodotto viene comunque proposto per la scarsità di effetti collaterali. Sta di fatto che se dopo un tempo ragionevole (alcuni mesi) non si apprezzano vantaggi consistenti e persistenti, dal nostro punto di vista non è il caso di insistere e spender soldi inutilmente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Salve la ringrazio per la sua risposta. Un miglioramento con riflog e permixon ci sono comunque stati non so quale dei due ha fatto più effetto ovviamente. Per quanto riguarda lo stile di vita ovviamente prima era più sballato dato che comunque lavorando in cucina magari mangiavo tardi oppure assaggiavo qualcosa, e poi un po' per lo stress. Adesso è più di 15 giorni dove sono chiuso a casa esco solo raramente quindi questo comportamento è stato eliminato, eppure sto molto più male di prima. Ieri sera mi sentivo la vescica quasi scoppiare ma in realtà non avevo urina nella vescica, come all'inizio della cura, mi sono dovuto piegare in due per addormentarmi. Ma non riesco a capirne i motivi, tra l 'altro noto sempre di più che quando ho i sintomi persistenti il mio spera è completamente diverso da quei giorni dove sto bene. Sono decisamente preoccupato ma sto rinviando tutte le mie visite anche di altre patologie proprio per l' emergenza che c 'é al momento
Grazie mille
Cordiali saluti