Ormai non esiste scuola in cui non sia esposto, praticamente in permanenza, il fatidico avviso di "Casi di pediculosi riscontrati".

E in effetti sono tantissimi i bambini (ma anche gli adulti) infestati da questo parassita. Si tratta di un insetto ematofago, cioè che si nutre di sangue, del tutto specializzato ad infestare selettivamente il capillizio umano. 

Prurito, lesioni da grattamento, anche con sovrainfezione, dermatiti, etc fanno parte del quadro clinico, come ben sanno molti genitori.

La diagnosi viene agevolmente fatta nel momento in cui si notano le uova, biacastre o biancogrigiastre, le lendini, attaccate tenacemente ai capelli, molto più raramente per il riscontro del pidocchio adulto, molto mobile. Uova che si schiuderanno in circa 7 -10 giorni, originando un nuovo individuo che raggiungerà la maturità riproduttiva in una settimana.

Questo, unito al fatto che mentre il pidocchio può sopravvivere un paio di giorni senza alimentarsi - mentre le uova anche per 10 giorni e più possono rimanere vitali- ci ricordano come sia meglio isolare per un paio di settimane almeno, in sacchetti chiusi, sciarpe e berretti che non possono essere adeguatamente trattati con sostanze antiparassitarie.

I trattamenti sono tanti. Nessuno è efficace al 100%, anche in relazione alle modalità più o meno corrette, con cui vengono eseguiti.

Il lindano è stato per anni il più usato. Sostanza analoga al DDT, anch'esso usato, non è più raccomandato in Italia per una certa tossicità neurologica (assolutamente assente a mio parere se correttamente eseguito ed alla giusta concentrazione).

Buona attività verso il pidocchio adulto, scarsa verso le uova, con necessità di secondo trattamento dopo circa7-8giorni.

Il Malathion, classe degli organofosforici, è molto potente, e uccide il pidocchio in pochi secondi, ed ha Buona efficacia anche contro le uova. In Italia si trova come gel all '1%. Per sicurezza si consigliano comunque due applicazioni, tanto più in casi difficili, capelli lunghi e ricci, etc

La permetrina, derivata dal piretro, sembra essere un trattamento raccomandabile perché, pur essendo assai più lento del malathion, nell'ordine dei minuti, è attivo sia su pidocchi che uova, mantenendo una attività residua. Si consiglia comunque la seconda applicazione. Si trova alla concentrazione dell '1%. Anche galenica.

Le piretrine naturali, derivate dal Crisantemo, associate per stabilità al piperonil butossido,sono ottime per i bimbi più piccoli, in quanto prive praticamente di effetti tossici sull'umano, e facili da applicare. Efficaci sul pidocchio adulto, difettano di grossa attività sulle uova, e necessitano quindi del secondo passaggio.

Vengono applicate, come quasi tutti gli altri prodotti per 10 minuti, e risciacquAti. 

Vi sono poi molti altri prodotti a base di estratti vegetali, oli, e sostanze filmanti che agiscono soffocando il pidocchio o per disidratazione, con una efficacia antiparassitaria a mio parere minore, a fronte di una migliore tollerabilità. 

Ricordiamo anche la ivermectina, per via sistemica, non commercializzata in Italia

Forse potrebbe essere pensata per uso topico, ma al momento non vi è registrazione.

È chiaro che è fondamentale la disinfestazione di pettini, spazzole, fiocchi per capelli, berretti, etc, per i quali sarebbe sufficiente un lavaggio in lavatrice superiore ai 60 gradi.

Le lendini vanno accuratamente staccate utilizzando aceto caldo, pettinini a denti fitti,... e tanta pazienza! 

Come ultimo cenno, per gli adulti, specialmente mamme e nonne....si, la tinta permanente dei capelli uccide pidocchi e uova!!! Si può al limite fare quando la esasperazione si unisce alla voglia di debellare il capello bianco!:-)