Progetto Disturbi del Movimento

I disturbi del movimento possono essere causa di una diminuzione della quantità di moto di una persona, come ad esempio nel Parkinson, con sintomi come rigidità e bradicinesia. In altri casi, come nelle distonie e nei tremori, sono i movimenti involontari a causare difficoltà nel controllo dei movimenti volontari e di precisione, fino a ridurre l'autonomia dei pazienti negli spostamenti e nella gestione della vita quotidiana.

La spasticità, in cui coesistono debolezza e ipertono muscolare, pur non essendo un disturbo del movimento propriamente detto, rappresenta un segno clinico comune a molte patologie del sistema nervoso centrale ed è altrettanto limitante per l'autonomia della persona.

In questa sezione verranno approfonditi gli aspetti generali di questi disturbi e le soluzioni terapeutiche e riabilitative finalizzate al miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

Consulta l'elenco dei centri di riferimento di diagnosi e trattamento della distonia sul sito di A.R.D. - Associazione Italiana per la Ricerca sulla Distonia.

Con il contributo non condizionato di Ipsen

Progetto Disturbi del Movimento

Articoli di approfondimento

La spasticità nel bambino: l’importanza della terapia abilitativa e...
Spasticità
  12 ott

Se osservate lo sviluppo motorio dei primi mesi di vita del vostro bambino, noterete che i suoi movimenti sono incoordinati, le sue manine si aprono con difficoltà,...

Dr. Cannaviello Medicina fisica e riabilitativa
Spasticità: cos'è e come cambia la vita. Uno sguardo generale sulla spasticità.
spasticità
  11 set

Pur non essendo classificata come un disturbo del movimento propriamente detto, la spasticità rappresenta un segno clinico complesso, fortemente disturbante per la capacità di...

Dr. Cannaviello Medicina fisica e riabilitativa