Qualche spunto utile per evitare che lo stress prenda il sopravvento in questi giorni di festa:

*** Non pensare che tutti siano felici e festanti, quando non si riesce ad esserlo per motivi personali.
La retorica del Natale commerciale (gioia&consumi) peggiora la sensazione di solitudine di chi non sta passando un momento particolarmente felice della propria vita.
Si tratta però solo di retorica, e va tenuto presente.

*** Essere felici non può essere un dovere: avete il diritto di non esserlo, se ci sono motivi che ve lo impediscono. Non sentitevi in colpa: peggiorerete la situazione.

*** Aspettarsi che l’incontro con parenti che di solito non si frequentano debba essere appagante o disastroso è dannoso: non coltivate aspettative né irrealistiche (armonia assoluta) né terrificanti (noia, discussioni), ma cercate di mantenere uno spirito sereno e riproponetevi di rimandare ad altri momenti le discussioni su affari di famiglia poco piacevoli.
Il rischio di aspettative eccessivamente positive o eccessivamente negative può condizionare l’esito dei momenti di condivisione che ci aspettano: meglio cercare di mantenere un atteggiamento equilibrato e non aspettarsi né fallimenti né gioia assoluta.

*** Concordate almeno una visita in casa di amici, per garantirvi quanto meno un momento sicuramente gioioso al riparo dai doveri familiari.

*** A tavola non eccedete nelle porzioni e negli sprechi di cibo che finirà nella spazzatura.
Mantenere la misura non lascerà la brutta sensazione di aver buttato via il cibo e di aver lavorato inutilmente a preparare dei piatti che finiscono nel secchio.

*** Se trascorrete il Natale in casa potete proporre un momento di gioco al termine del pranzo: in questo modo potrete trascorrere dei momenti divertenti che contribuiranno a rinsaldare il rapporto con i parenti, e contribuire a creare un’atmosfera rilassata che a molti ricorderà il Natale che trascorrevano da bambini.

*** Se siete credenti ricordatevi che il Natale è soprattutto una festa religiosa: questo vi aiuterà sicuramente a vedere sotto una luce meno consumistica e meno carica di aspettative questi giorni.

*** Chi è solo è ancora in tempo per informarsi sulle attività organizzate dai gruppi di volontariato della propria città, e per mettersi a disposizione di chi sta preparando il pranzo di Natale per i meno fortunati.
Chi ha avuto modo di rendersi utile in queste iniziative ne conserva solitamente un ricordo positivo, e ha trovato un’atmosfera a volte più serena di quella che si sarebbe aspettato.
Mettersi a disposizione degli altri e dedicare del tempo a chi ne ha davvero bisogno può rendere più gioioso il Natale di tutte le persone coinvolte.

Auguri di buon Natale a tutti!

“NON SI VEDE BENE CHE COL CUORE. L'ESSENZIALE E' INVISIBILE AGLI OCCHI"
( A. de Saint-Exupery – “Il Piccolo Principe”)