Utente 125XXX
Buonasera, ieri purtroppo ho avuto un incidente stradale con la mia moto, e tra le varie cose ho riportato diverse escoriazioni all'avambraccio e alle mani. Recatami al pronto soccorso sono stata medicata con tintura di iodio e nn mi hanno coperto il braccio con qualche fascia dicendo che così "si asciugano prima". Gli ortopedici dai quali mi son recata poi per una frattura all'altro braccio (avendo soecificato che ho fatto l'antitetanica solo da piccola) mi hanno segnato l'iniezione di Tetabulin 600 da fare entro 48h che mi avrebbe coperta per 10gg e poi, tramite il mio medico di base, di fare il richiamo dell'antitetanica (ora ho 27 anni). Tornata in ospedale con la confezione di Tetabulin, il dottore che mi ha visitata per prima quando ieri son andata al p.s. si è mostrato contrario a questo consiglio datomi dai suoi colleghi di ortopedia, dicendo che l'antitetanica si fa solo per ferite di profondità superiore a 1cm, e le mie, per quanto diffuse e sanguinanti, non rientravano nella casistica.

Alla fine non me l'ha fatta, ma essendo caduta e avendo strisciato l'asfalto, la terra (c'era un'aiula) e battuto contro lo spigolo del marciapiede (dove si sa si accumulano carte, foglie ecc), mi domando: posso stare davvero tranquilla? Mi ha fatta passare per esagerata, ma io so che l'antitetanica viene prescritta anche per piccola ferite, tantopiù per un'escoriazione che mi si protrae per tutto il braccio...chi avrà avuto ragione, lui o gli ortopedici?

Se domattina (a distanza di quasi 2gg dalla caduta) andassi presso un altro dustretto a farmi fare il richiamo(visto che cmq ne sono scoperta), questo mi protegge anche per l'incidente di ieri?

Cordiali saluti, spero di ricevere la risposta al più presto per procedere tempestivamente nel caso dovessi fare il vaccino.
[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato
28% attività
0% attualità
16% socialità
()
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Egregia signora,anche se probabilmente nel Suo caso il rischio di contrarre il tetano non è elevatissimo,approfitti dell'occasione per controllare lo stato delle vaccinazioni, farsi fare l'eventuale richiamo ( la spesa, se c'è, è bassa) e dormire tranquilla , anche nel caso dovessero verificarsi nuovamente ferite, per i prossimi dieci anni.Tenga presente, tuttavia, che trascorsi cinque anni dal richiamo, ed in caso di ferite a rischio ( ferite contuse, contaminate con terra o sterco ecc. ),si consiglia un nuovo richiamo.