Utente 101XXX
Buongiorno,
vorrei un'informazione sulla Sibutramina (Reductil)so che nasce come antidepressivo, poi é stato impiegato per il calo ponderale (riduzione senso di fame). Io vorrei solo sapere se questo farmaco provoca il calo del desisderio sessuale anche nella donna e di conseguenza assenza di orgasmo eccetera.
Grazie mille.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, attualmente al mondo esistono otto milioni di persone in trattamento con la sibutramina, come tutti i farmaci può avere effetti collaterali e pertanto è corretto che sia prescritta da un medico dopo valutazione clinica (quindi a mio parere da bandire le formulazioni galeniche o le prescrizioni "fai-da-te"). Tra gli effetti collaterali, in letteratura non si trovano quelli da lei sospettati, cioè niente che ha a che fare con la sfera sessuale. Mi permetto di aggiungere che è un farmaco prescrivibile in condizione di obesità (B.M.I. superiore o uguale a 30 Kg/m2). Da utilizzarsi con B.M.I. da 27 Kg/m2 in su, solo se sussiste un'altra condizione di rischio associato, quale il diabete. Sotto il suo profilo "Utente" l'indice di massa corporea indicato è di 23,5 Kg/m2, quindi, per esempio, non è un farmaco che lei potrebbe assumere.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore,
la ringrazio molto per la sua celere risposta. Il problema é che dopo l'assunzione di antidepressivi sono ingrassata e ora peso 72 chili (prima degli antidepressivi ero 62) e dopo mesi di dieta non sono calata per niente. Conosco persone che non erano obese lo hanno assunto per un po' di tempo e sono dimagrite senza problemi. Ma ripeto, non erano obese.
Io ho bisogno di un aiuto per calmare la fame, attualmente penso sempre al cibo, la situazione mi è sfuggita di mano, devo dimagrire assolutamente perché non mi entrano più i vestiti. Io sono sempre stata brava a fare le diete ma queste volta non ce la faccio e continuo ad aumentare. Quindi ho pensato a questa come possibile soluzione al problema almeno per un paio di mesi.
Che rischi si corrono se non si hanno i requisiti adatti per l'assunzione di questo farmaco?
Grazie saluti
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signora, percepisco dalle sue parole il grande bisogno d'aiuto... e sono assolutamente d'accordo con lei sul fatto che ha necessità di farsi aiutare. Comprendo la sensazione di mancato controllo della sua alimentazione, che le fa affermare di pensare sempre al cibo, mentre prima riusciva a far bene le diete.... ecco il punto cruciale è questo: capire perchè non riesce più, quale è il motivo di questa compulsione. Le consiglio di fare una chiacchierata con uno Specialista in Disturbi dell'Alimentazione, per vedere cosa ne pensa, per vedere se riesce a comprendere che immagine corporea lei ha di se stessa. Non voglio che pensi che ho un'idiosincrasia per la sibutramina. A Novembre sarò relatore ad un Congresso della Società Italiana dell'Obesità e parlerò dei benefici della terapia con sibutramina in soggetti diabetici. Le dirò che a riguardo dei rischi della sibutramina in soggetti che non hanno i requisiti (la stupirò) ma in linea teorica non ce ne sono! Il danno, per lei, è pensare che lei ne abbia bisogno. E poi sarebbe una prescrizione off-label, cioè una prescrizione che non rispetta la scheda tecnica del farmaco (cosa che noi medici siamo tenuti a rispettare). In questo caso il rischio (di tipo medico-legale) è per il medico che gliel'ha prescritto, qualora si verificassero probelemi nel suo organismo.
Concludendo, si faccia aiutare ma nel modo migliore per lei!
Cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
ATRIPALDA (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

la prescrizione di sibutramina non e' indicata in pazienti che abbiano sofferto di patologie psichiatriche precedentemente.

Oltretutto, le indicazioni al trattamento con sibutramina richiedono delle specifiche di selezione che potrebbero escludere lei a priori dall'utilizzo del farmaco.
Nonche' la presenza di alcuni effetti collaterali deve essere valutata da un medico di volta in volta.

La perdita di peso e' consistente ma non e' duratura nel tempo se il paziente che assume sibutramina non varia le proprie abitudini alimentari e comportamentali rispetto al cibo.

Le consiglierei di ritornare dallo psichiatra per valutare questo aspetto di aumento di peso sotto il profilo psichiatrico.

Non tutti i trattamenti antidepressivi possono portare ad un aumento di peso, va reimpostato un trattamento qualora si ravvisi una riesacerbazione di sintomi.