Utente 271XXX

Buon giorno a tutti gli specialisti,
sono un ragazzo di 38 anni e da sempre mi sono chiesto per quale motivo in me è quasi assente il desiderio sessuale. Posso stare anche dei mesi senza avere rapporti e quando ne ho faccio fatica a sentirmi completamente coinvolto e capita, soprattutto ultimamente, che faccio anche fatica ad avere un'erezione completa e soddisfacente anche durante la masturbazione.
Ho sempre ritenuto che il problema fosse di ordine psicologico perchè non ho mai avuto una chiara percezione della mia sessualità e per questo ho intrapreso un cammino di psicoanalisi senza però avere alcun risultato.
A questo punto l'altra settimana ho voluto fare le analisi ed i risultati sono stati:

T3 1,60 ng/ml
T4 7,3 mcg/dl
FT3 3,44 pg/ml
FT4 0,68 ng/dl
TSH 1,40 mclU/ml
TIREOGLOBULINA (HTG) 12,2 ng/ml
ANTIC.ANTITIREOGLOBULINA 2 U/ml
ANTIPEROSSIDASI T. (TPO) 0,50 IU/ml
COLESTEROLO HDL 52 mg/dl
COLESTEROLO LDL 118 mg/dl
GLOBULI BIANCHI 5,4 x10.3^/uL
GLOBULI ROSSI 4,5 x10.6^/uL
EMOGLOBINA 14,3 g/dL
EMATOCRITO 41,5 %
TESTOSTERONE 4 ng/ml
PROLATTINA 13,40 µ/ml
FSH 2,8 mUI/ml
LH 3,7 mUI/ml

Come vedete la prolattina risulta essere un po' alta e il testosterone un po' basso (calcolate che il prelievo è stato fatto alle 7,45).
Ora vorrei sapere:
Devo approfondire con altre analisi oltre a protidogramma e PSA totale e libero?
Se si quali sono esattamente?
Io vivo a Roma, se fosse possibile vorrei sapere a quali strutture o specialisti mi posso rivolgere trattandosi di un problema molto delicato da risolvere ( fin’ora sono andato al Policlinico Casilino ma sono rimasto molto deluso)?
Ma soprattutto una disfunzione ormonale, se così risultasse, protratta negli anni può influire sulla percezione della propria sessualità comportando a sua volta altre problematiche di ordine psicologico?
Sono molto preoccupato e vorrei risolvere al più presto per questo per me è molto importante sapere
a chi posso rivolgermi con fiducia.
Vi ringrazio fin da ora,
Cordiali saluti.



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

se ritiene di non essere soddisfatto delle visite effettuate fino ad ora si puo' rivolgere al Policlinico Gemelli, dove tra l'altro, se il problema fosse solo di tipo psicologico sapranno indirizzarla anche presso il servizio di psicoterapia al solo costo del ticket.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 27105,

per cercare di affrontare e risolvere il suo problema serve l'aiuto di uno specialista, direi inizialmente un andrologo, che possa guidarla nella esecuzione degli esami in maniera corretta e che possa escludere l'esistenza di fattori ormonali tali da disturbare la sua attività libidica e che possa valutare l'indicazione ad una valutazione psico-sessuologica.
Ad esempio le consiglierei di effettuare il dosaggio del Testosterone Libero o dell' SHBG.
Per trovare uno specialista "serio" in una struttura pubblica potrebbe rivolgersi all'ambulatorio di andrologia della V Clinica Medica del Policlinico Umberto I oppure a qualche struttura privata.
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2007
Vi ringrazio per la immediata risposta, ma prima di un ulteriore visita vorrei sapere esattamente quali altre analisi devo fare per non perdere altro tempo ed inoltre vorrei sapere se una disfunzione ormonale può comportare problemi legati all'identità sessuale.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

a mio parere con quelle analisi può tranquillamente chiedere una visita specialistica
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Sono d'accordo con i Colleghi, effettui una visita specialistica, poi decida, se se la sente, di intraprendere una psicoterapia con uno psicologo di diverso orientamento. Spesso funziona

Cordialmente

Daniel Bulla
dbulla@libero.it
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
in prima battuta , come le ha consigliato già il Dr Pozza , completi le valutazioni ormonali e poi consulti un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#7] dopo  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu
40% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
il mio parere concorda con quello già espresso dai colleghi; le consiglierei di sottoporsi ad una visita andrologica e di non trascurare un approfondimento psicologico.
Quest'ultimo, infatti, potrebbe aiutarla a fare chiarezza sulla percezione della sua sessualità, magari scelga un terapeuta con una formazione un pò più pratica, ad esempio cognitivo-comportamentale.

Cordialmente

Ilenia Sussarellu
i.sussarellu@libero.it
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
credo che una completa valutazione andrologica sia davvero indispensabile. Non senza un supporto di tipo psicosessuologico che ritengo comunque di valido supporto. Se vuoLe pu' tranquillamente rivolgersi al Dipartimento di Fisiopatologia Medica dell'Università "Sapienza" di Roma - Policlinico Umberto I - vero Centro di eccellenza italiano in tema di Andrologia.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani
24% attività
4% attualità
16% socialità
MORLUPO (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
eventuali disturbi dell'assetto ormonale non influiscono sull'identità sessuale. Appare un consiglio fondato approfondire l'indagine andrologica presso il centro del Policlinico Umberto I, altrettanto utile è la scelta di approfondire le tematiche psicologiche alla base dei disturbi riportati. Pur non potendosi formulare diagnosi dalle notizie riportate, è utile tener conto che disturbi del genere si possono riscontrare con una certa frequenza in persone con qualche disturbo di natura fobica, questo naturalmente non vuol dire che Lei ne abbia, semmai varrebbe la pena cercare di approfondire tale aspetto diagnostico con un buon terapeuta.
Cordiali Saluti
dr G. Ronzani
[#10] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2007
Riguardo alla risposta della Dr.ssa Ilenia Sussarellu vorrei sapere a chi posso rivolgermi,qui a Roma,per poter avere informazioni riguardo una psicoterapia di tipo cognitivo-comportamentale.
Di nuovo un grazie a tutti.
Cordiali Saluti
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani
24% attività
4% attualità
16% socialità
MORLUPO (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
Nella nostra città vi sono diversi specialisti di buona formazione cognitivo-comportamentale, qualora Lei desideri delle indicazioni specifiche non esiti a contattarmi via e-mail o via telefono (reperibile sulla mia pagina in queso sito).
Cordiali Saluti
dr Gianni Ronzani
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che le indicazioni della Collega SUSSARELLU siano precise e corrette.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#13] dopo  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu
40% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
potrebbe consultare il sito dell'AIAMC (Associazione Italiana Analisi e Modificazione del Comportamento)in cui si trova un elenco completo dei colleghi che hanno questo tipo di specializzazione.

Saluti cordiali

Ilenia Sussarellu
i.sussarellu@libero.it