Login | Registrati | Recupera password
0/0

Infarto miocardico pregresso

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Infarto miocardico pregresso

    egr. dottore,
    mio padre di anni 72 a marzo scorso e' stato colpito da infarto miocardico..gli e' stato applicato uno stent nella coronaria destra. il cardiologo dopo una serie di esami gli ha fatto eseguire la tomoscintigrafia miocardica dalla quale e' risultata la seguente valutazione:le immagini da sforzo evidenziano deficit di concentrazione in sede inferiore, di grado lieve-moderato.
    le immagini a riposo, incremento di concentrazione nella sede descritta.
    sss : 6
    valutazione della funzione ventricolare a riposo
    la frazione di eiezione del ventricolo sinistro e' conservata (>65% v.n.>50%).
    i volumi del ventricolo sinistro sono normali.
    lo studio della cinesi segmentaria del ventricolo sinistro non evidenzia significative anomalie.
    non e' presente una dilatazione ischemica transitoria del ventricolo sinistro legata allo stress.
    la cinesi ventricolare destra e' conservata.

    conclusioni
    ai livelli di esercizio fisico raggiunti, e' presente una ipoperfusione da sforzo in sede inferiore; possibile limitata componente necrotica infero-basale.
    i volumi del ventricolo sinistro e la funzione sistolica ventricolare sinistra e destra, sono normali.

    dopo aver letto queste conclusioni il cardiologo gli ha prescritto un altro esame coronografico..secondo lei era il caso di prescriverlo? o si poteva evitare dai risultati della scintigrafia?
    vorrei avere un suo parere su questi risultati. sono preoccupanti?
    in attesa di risposta porgo cordiali saluti.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 1016 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    Gentile utente,
    i risultati della scintigrafia sono compatibili con un pregresso infarto del miocardio, legati ad una lesione della coronaria destra. La prescrizione di un nuovo esame coronarografico si giustifica solo nell'ipotesi diagnostica di occlusione precoce dello stent, ma non avendo visione diretta degli esami effettuati da suo padre non è possibile esprimersi in merito.
    Saluti


    Dr. Vincenzo MARTINO

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    GENTILE DOTTOR MARTINO,

    LE VOLEVO PORGERE UN ULTIMA DOMANDA...LA CORONAROGRAFIA E' UN ESAME PERICOLOSO O SI EFFETTUA SENZA RISCHIO DI PARTICOLARI CONSEGUENZE? IN ATTESA DI RISPOSTA LA SALUTO E LA RINGRAZIO!!



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 1016 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    Gentile utente,
    l'esame coronarografico è un esame oramai routinario nella diagnostica cardiologica, non scevro tuttavia di rischi soprattutto in pazienti affetti da insufficienza renale. L'importante è a mio avviso comprendere la necessità o meno dell'esame, i cui potenziali benefici sono di certo superiori ai possibili eventi avversi.
    Saluti


    Dr. Vincenzo MARTINO

  5. #5
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    gentile dottor martino,

    mio padre da stamattina avverte una sorta di
    lieve dolore pungente al centro dello sterno che va e viene....sono un po' preoccupato..!cosa mi consiglia di fare? devo portarlo in ospedale per farlo visitare?^



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 1016 Medico specialista in: Cardiologia

    Risponde dal
    2008
    On line in assenza di una visita diretta è difficile poterle dare consigli. Contatti il collega di riferimento.
    Saluti


    Dr. Vincenzo MARTINO

Discussioni Simili

  1. Rischi post angioplastica e infarto
    in Cardiologia interventistica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21/02/2012, 18:41
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04/10/2013, 10:56
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896