Utente 731XXX
Caro prof scusandomi per il tempo sottrattole e ringraziandola per quello vorrà dedicarmi le pongo il mio problema:

Le scrivo per una sua valutazione ed eventuale consulto.

Nel 2005 occasionalmente scopro di avere una grossa cisti alla milza,di circa 5,5 cm,l'ecografia recita cosi:
LA MILZA PRESENTA UN VOLUMINOSO ESPANSO CISTICO DI CIRCA 5 CM DI DIAMETRO CON FINI ECHI DI SOSPENSIONE IN SEDE CENTRALE POSTERO-SUPERIORE,ALTRA MINUTA CISTI DI 9MM IN SEDE ANTERIORE.

da qui il medico mi consiglia tac con mdc che effettuo a gennaio 2006 :

in corrispondenza del terzo superiore della milza,in posizione anteriore,formazione espansiva rotondeggiante,avascolare,debordante dal profilo anteriore dell’organo,con diametro equatoriale di circa 5,5 cm e con densità di tipo sostanzialmente solido(60HU).Microcalcificazione si rileva sul profilo posteriore della parete della lesione;in posizione posteriore piu caudale riconoscibili altre due piccole immagini avascolari,del diametro equatoriale entrambe di qualche mm ciascuna.Fegato,pancreas,surreni e reni in sede con regolare morfologia e dimensioni.vescica ben espansa e profili regolari;prostata con dimensioni nei limiti e qualche calcificazione nel proprio contesto;assenza di linfonodi patologici per numero o per dimensioni nei piani in esame.

Referti contrastanti quindi(..contenuto solido alla tac,liquido all'eco)...nel frattempo ho semrpe tenuto sottonctrollo con periodiche ecografie,semrpe tutto invariato,ora,l'ultima ecografia l'ho effettuata ad ottobre 2008,circa un anno fa quindi e recita cosi:

FEGATO NORMALE PER DIMENSIONI ED ECOSTRUTTURA LIEVEMENTE STEATOSICA; ASSENTI LESIONI MASSA.VIE BILIARI NON DILATATE.COLECISTI ALITIASICA. VENE PORTA NELL NORMA PER CALIBRO.NIENTE DA SEGNALARE A CARICO DEL PANCREAS E RENI;MILZA NORMALE PER VOLUME ED ECOSTRUTTURA;PRESENTI DUE FORMAZIONI ANECOGENE,BEN DELIMITATE,DA RIFERIRSI A CISTI DI 50MM E MM24,QUEST'ULTIMA AUMENTATA DI VOLUME RISPETTO ALL'ESAME DEL 28/12/06..SI PROPONE CONTROLLO ECOGRAFICO TRA UN ANNO( dovrei farlo in queste settimane)


Ora mio caro prof la mia domanda è:

Che si fa con queste cisti? bisogna operarle? si tengono solo sottocontrollo? è vero che mi si potrebbe rompere la milza? ho letto in giro pareri discordanti,dal non fare nulla...alla splenectomia parziale,a quella totale..

Attendendo il suo parere nel quale ripongo tanta fiducia l'occasione mi è gradita per porgerle i miei piu distinti saluti.GRAZIE MILLE



Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
La problematica relativa alle formazioni cistiche della milza riveste un duplice aspetto:
1) riconoscimento certo della natura della lesione
2) prevenzione delle possibili complicazioni (infezione, rottura, ecc.)

Atteso che nel suo caso il fattore tempo (quattro anni di osservazione) deporrebbe per lesione di tipo benigno (probabile cisti dermoide), resta da valutare il secondo aspetto sul quale nessuno è in grado di esprimersi in termini di certezza.
In assenza di controindicazioni, viste le dimensioni e la tendenza al progressivo accrescimento, propenderei per la aqsportazione laparoscopica, tenendo presente che la possibilità di preservare una porzione dell'organo può essere valutata con certezza solo all'atto dell'intervento.