Utente 223XXX
Buongiorno e vi ringrazio anticipatamente per chi può darmi qualche risposta.
Mi rifaccio alla storia clinica di mio padre inviata il 20 aprile.
Se potete rileggere la lettera finiva con l'operazione per levare una stenosi e con vari medicinali. Abbiamo continuato a fare delle ricerche su questo dolore, e ci ha portati all'ospedale di Padova, dove sono iniziati una serie di esami, ( che peraltro alcuni erano gli stessi fatti a Treviso ) per finire con una nuova operazione alla prostata che consisteva nel raschiamento (TUR), già stata eseguita a Treviso ma in presenza di un'infiamazione, per cui si sono formati delle "aderenze". Adesso è a casa, sono passati 30 giorni e il dolore è come prima. Fra 15 giorni dobbiamo ritornare in ospedale per il controllo.
Cosa bisogna chiedere/sapere per risolvere questo dolore che persiste da oltre 30 mesi ?




Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

purtroppo, senza avere potuto valutare il quadro clinico completo di suo padre in diretta, la sua domanda non può avere una risposta corretta e precisa.

La cosa più saggia da fare è risentire gli urologi che stanno curando suo padre, discutere con loro i vari e complessi problemi lamentati e poi, se lo desidera, possiamo insieme discutere le indicazioni diagnostiche che riceverete e/o le eventuali indicazioni terapeutiche sempre però alla luce della rivalutazione clinica diretta che farà suo padre.

Un cordiale saluto.