Utente 105XXX
Gentili dottori,
ieri mia madre (52 anni) si è sottoposta ad un ecocardiogramma dal qualche è emerso di avere un "lieve rigurgito della valvola mitralica". Mia madre soffre di ipertensione e da qui l'approfondimento anche sul piano cardiaco. Alla notizia di questo difetto potete immaginare che si sia un po' spaventata, non sapendo come comportarsi adesso. Cosa comporta questo problema? E' una cosa seria? Deve stare attenta a sforzi, stress ecc.? La settimana prossima deve fare il vaccino per l'influenza stagionale, può farlo o con questo problema sarebbe controindicato?

Vi pregherei di avere la pazienza di rispondere.... mia madre (e anche io) è molto preoccupata...

Cordialmente,

C.


P.S: Chiedo scusa per il titolo sgrammaticato, non mi ero accorta di aver scritto così male... l'ansia fa brutti scherzi....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,non c'è nulla di cui preoccuparsi,significa che la valvola mitrale,che si trova tra l'atrio e il ventricolo sinistro del cuore,non ha una chiusura perfettam,ente"stagna"ma lascia passare una minima e trascurabile quantità di sangue di reflusso e rigurgito;è una situazione che non desta nessuna particolare preoccupazione,nella popolazione un rigurgito lieve e asintomatico della mitrale è presente in migliaia di persone senza che causi nessun problema;perciò stia tranquillissima,può fare vacciono sforzi e quantaltro,il consiglio è solo quello di sottoporsi una volta all'anno ad un eco di controllo per monitorare che questa condizione rimanga stabile nel tempo e il rigurgito ora lieve negli anni non aumenti;
cordialmente
dr.Annoni
www.questionidicuore.com
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Un lieve rigurgito della mitrale è reperto estremamente frequente, privo di conseguenze emodinamiche, specie in età superiore a 50 anni, ed in questo caso è espressione di normale "invecchiamento" del cuore.
Se non sono stati riscontrati altri reperti patologici, direi che può stare assolutamente tranquilla.
Se ha deciso di vaccinarsi per l'influenza stagionale, lo faccia pure: è una saggia decisione.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimi dottori, vi ringrazio immensamente per le vostre rassicurazioni. Volevo solo precisare una cosa che mi era sfuggita.

Durante la visita cardiologica fatta "prima" dell'ecocardiogramma e con un altro medito, le era stato prescritto un beta-bloccate (LOBIVON 5 mg al giorno) oltre alla compressa per la pressione (NEO-LOTAN 100 mg al giorno)

La compressa per la pressione già l'assumeva da prima, ha solo aumentato il dosaggio (da 50 a 100) mentre l'altro era una novità.

Il medico che ha eseguito l'ecocardiogramma le ha sconsigliato di prendere il beta-bloccante in quanto poi avrebbe dovuto assumerlo per tutta la vita e le ha consigliato di aspettare. Ha aggiunto, non so perchè in quanto non ero presente, di non assumere antidolofici ma di limitarsi eventualmente ad un EFFERALGAN in caso di bisogno (mia madre non ne prende affatto): cosa c'entra?

Beta-bloccante: sì o no? Chi aveva ragione? Da sottolineare che il primo medico non le aveva diagnosticato il rigurgito della valvola mitralica...

Ancora mille grazie,

C. e sua madre.
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Non ci sono elementi per poter rispondere alla Sua domanda circa l'opportunità o meno di assumere un beta-bloccante: per questo quesito dovrebbe rivolgersi ai colleghi che hanno visitato di persona Sua madre.
Per quanto riguarda il consiglio di evitare antidolorifici (presubimilmente appartenenti alla categoria dei FANS), si può supporre che sia dovuto alla documentata azione di aumento dei valori della pressione arteriosa, specie se assunti in cronico, o su particolari sintomi che Sua madre potrebbe aver descritto al collega.
Cordiali saluti