Utente 146XXX
Salve, tutto è iniziato ad Agosto 2009 dopo essere stato al mare con un forte prurito e arrossamento sul prepuzio a ridosso del glande, con successiva lacerazione. La prima cura da parte dell'urologo è stata l'applicazione di Pevisone e lavaggio intimo con acido borico (sospetta micosi). Il problema era rientrato in apparenza in quanto comunque avvertivo delle fitte nella zona interessata e gonfiore, poi la lacerazione si è ripresentata spontaneamente e si presenta ad ogni rapporto sessuale, per poi richiudersi spontaneamente e completamente in circa 2 giorni. Successivamente l'urologo, che notò anche un aderenza tra glande e prepuzio, mi praticò il distacco e mi fece un tampone prepuziale, il cui risultato era "normale flora saprofitica". Il problema persiste, l'aderenza per fortuna non si è ripresentata, allora il medico mi ha prescritto 20 giorni di trattamento con un gel a base di vitamina B (Vea Lipogel) per ammorbidire la pelle. A livello cutaneo la situazione è migliorata, quasi rientrata, ma avverto ancora le fitte e un leggero prurito in quella zona e + in generale sul prepuzio. Se può servire per definire il quadro della situazione, sulla corona del glande sono presenti delle piccole escrescenze bianche, per le quali ho fatto 2 volte la penescopia che ha avuto in entrambi i casi esito negativo e che sono state definite normali dai relativi medici ed anche dall'urologo che attualmente mi sta seguendo. Queste escrescenze (tipo verruchette) le ho dall'età di circa 15 anni, dove ancora non avevo avuto rapporti sessuali. Sempre a completezza del quadro globale, soffro da circa 10 anni di irritazioni scrotali e inguinali con forte prurito e successiva lacerazione della pelle se non applico l'Advantan Emulsione, non risolte dopo alcune visite dermatologiche e test allergologico, in pratica mi è stata diagnosticata una dermatite da contatto, atipica, per la quale inizialmente aveva effetto la crema Lichtena, adesso uso l'Advantan Emulsione molto spesso (nei casi di maggior stato irritativo arrivo ad usarla anche quotidianamente, a volte più di rado) alternandola al Vea Lipogel che migliora sensibilmente la situazione fino a che non è necessario l'Advantan.
Cosa mi suggerite? Vi ringrazio anticipatamente. Fabio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,nel concordare sull'operato degli specialisti che l'hanno visitata,sottolinerei la necessità di contrastare il sovrappeso ed l'eventuale dismetabolismo glico-lipidico.Infine,raccomanderei un monitoraggio continuo dello stato micologico della partner.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Innanzitutto La ringrazio per la risposta, che tipo di esami quindi dovrei fare?
Per quanto riguarda mia moglie, le è stata curata con successo tramite bruciatura una lesione interna da HPV e il successivo pap test e colposcopia hanno dato esito negativo.
Nel lungo periodo in cui l'ha avuta, mi sono sottoposto a due penescopie che hanno avuto esito negativo.
A questo punto cosa mi suggerisce di fare? Continuare con l'urologo che mi ha chiaramente detto che deve pensare sul da farsi (il vea lipogel era un espediente per temporeggiare), oppure rivolgermi ad un dermatologo? Al momento il prepuzio è arrossato, anche il glande è arrossato, continuo ad avvertire le fitte nela zona interessata. ed un pò di prurito sia nel momento in cui applico la crema (per lo sfregamento) che in generale quando "scappuccio" il prepuzio nelle normali funzioni fisiologiche. Sotto al glande è arrossato e nella zona interessata c'è il solito lieve gonfiore. La ringrazio anticipatamente. Fabio
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...se non ha fiducia nell'urologo,va da se che necessita di un dermatologo...
Non mi ha risposto sullo stato glico-lipidico.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Non le ho risposto perchè è molto tempo che non faccio analisi del sangue complete, e quindi non ho informazioni in merito. Che tipo di analisi debbo fare? Ho fiducia nell'urologo ma mi è venuto il dubbio che forse è + adatto il dermatologo. Essendo solo questo il dubbio, pensa che l'urologo è lo specialista giusto? La ringrazio per le risposte. Fabio
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...scelga Lei.Cordialita'.
[#6] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Mi può gentilmente indicare quali analisi fare per determinare l'eventuale dismetabolismo glico-lipidico?
La ringrazio anticipatamente. Fabio
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...Emoglobina glicata,glicemia,colesterolemia, trigliceridemia, quadro lipoproteico, transaminasi epatiche,bilirubinemia totale e frazionata,emocromo completo,quadro proteico elettoforetico.Esame urine.
Cordialità.
[#8] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio moltissimo, farò queste analisi la prossima settimana, intanto venerdì l'urologo mi ripete il tampone prepuziale, in quanto ritiene che due sono le alternative: una micosi non intercettata al primo tampone, oppure una sclerosi cicatriziale conseguenza di tutta la situazione. Aveva optato per la circoncisione, ma la troppa vicinanza della sclerosi al glande lo ha indotto a non procedere in quanto non avrebbe lo spazio sufficiente a ricucire la pelle. Concordo con Lei circa la possibilità di un eventuale problema metabolico, che quindi va approfondito, visto che sono alcuni anni che non faccio analisi del sangue complete e quindi non si può escludere a priori.
Cordiali saluti. Fabio