Utente 147XXX
Gentilissimi medici, un mio caro amico di 28 anni, è stato d poco operato perchè gli era stato diagnoticato un tumore benigno della grandezza di una pallina da ping-pong. l'operazione era andata a buon fine, senonchè una succeessiva emorraggia li ha costretti a rioperarl,o provocando però dei danni al tronco cerebrale.Siccome ho avuto da poco un bambino e io e la mia ragazza abbiamo deciso di conservargli le cellule del cordone, mi chiedevo se esistesse una loro applicazione per aiutare il mio amico a uscire dallo stato in cui si trova.
Altrimenti sapreste suggerirmi qualche altra soluzione? Attualemte i medici sembrerebbero escludere una guarigione.
vi ringrazio anticipatamente per il vostro aiuto
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Della Corte
40% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Egregio Signore,
non mi sento in grado di darLe una risposta definitiva, ma
ritengo che nel caso specifico da Lei prospettato non vi sia applicazione pratica.
Presumibilmente, la strada da percorrere, sulle staminali, è ancora lunga.
Cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore,

non voglio sembrarLe scortese, ma la risposta che ho ricevuto purtroppo era quella che mi aspettavo o semplicemente non mi basta. So bene , nel momento in cui ho deciso di conservare le cellule embrionali di mio figlio che attualmente, il loro campo di applicazione è piuttosto ridotto. Però in realtà io sto cercando qualcuno che in realtà non pensa che i tempi siano lunghi, ma piuttosto che pensi che i tempi in cui si potranno applicare sono dietro l'angolo e che abbia voglia di provare. Poi è possibile che questo tentativo non sia applicabile per problemi di compatibilità o altro ma secondo me siamo nella situazione che tentar non nuoce

Quindi, se non Le sono sembrato troppo sgarbato, le sarei infinitamente grato se sapesse consigliarmi qualcuno che sta quantomeno sperimentando in questo campo.

La ringrazio in anticipo