Utente 148XXX
Buongiorno vorrei chiedere un'informazione mio padre (69 anni) ha fatto un'ecografia per fare un controllo alla prostata. Tutto nella norma, pure reni e fegato però l'ecografo ha notato un ingrossamento di alcuni linfonodi all'addome. Nella valutazione dell'ecografo c'è scritto questo:"linfoademia lombo-aortiche ed iliache, tumefazioni solide ipoecogene ovulari di varie grandezze fino a circa 70mm ...". Ora il medico di famiglia gli ha prescritto una TAC per capire meglio; cercando in rete ho visto che ci sono persone che hanno questi problemi ma si sono accorti perchè avevano dei ingrossamenti nel collo, nelle ascelle ecc.... Mio padre non ha nessun dolore, non presenta nessun ingrossamento è in piena salute (non ha avuto perdite di peso, ecc..)potrebbero essersi ingrossati già da tempo e non ci siamo mai accorti? Qualcuno ha avuto casi del genere? COsa consigliate di fare? Grazie 1000
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività +36
0 attualità +0
16 socialità +16
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

70 mm non sono pochi. La TC è indicatissima. Non è possibile da quanto trascritto capire di cosa si tratta; e probabilmente dopo la TC sarà necessaria una biopsia.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio di cuore, infatti abbiamo già preso appuntamento per una TC, la cosa strana è che non ha nessun dolore, nessun ingrossamento e le analisi(VES, ecc..) sono tutte ok..!
Inoltre è una persona attiva e non ha stanchezza, ecc...

Sarà una forma tumorale? Non sono competente in materia..

Grazie ancora per il vostro bellissimo e prezioso supporto che fornite..

Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
ho tralasciato un particolare mio padre a fine Settembre 2009 ha avuto il "fuoco di Sant'Antonio" proprio nel lato sx dove ci sono i linfonodi ingrossati. Gli è durato diverso tempo ed era partito dalla parte dietro della schiena sx fino ad arrivare nella parte frontale sx (livello addome)..
In internet ho letto questo:"la risoluzione del fuoco avviene in 7-10 giorni con formazione di croste che persistono per alcune settimane. Spesso si ingrossano anche i linfonodi presenti nella zona colpita;"..

Potrebbe essere una causa? Anche se sono passati ormai 4 mesi abbondanti?

Grazie di cuore..!
[#4] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività +36
0 attualità +0
16 socialità +16
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

direi che la TC ci fornirà tutte (o quasi) le informazioni necessarie. Sono possibili varie congetture ma l'obiettività degli esami strumentali chiarirà la problematica.

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#5] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio ancora per la sua risposta, molto gentile e disponibile!
Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
abbiamo fatto la TAC e ripreso i risultati..
La TAC dice che tutti gli organi: fegato, milza, polmoni, reni, prostata, linfonodi sotto ascelle e inguinali sono a posto; evidenzia sempre la presenza di linfonodi all'oddome.
Precisamente dice: "masse adenopatiche in sede lomboaortica iliaca e otturatoria a sx con misure che variano da 0.5mm a 40mm, per poi unirsi in agglomerati che arrivano anche a 70mm...".
Il Dottore di famiglia dice di andare ora da un ematologo è la via giusta?
Vorrei aggiungere che le analisi del sangue fatte 10 giorni fa sono tutte a posto..!!
Mi perdoni se insisto ma il "fuoco di S.Antonio" secondo lei a questo punto non c'entra nulla? Mio padre ha avuto la parte maggiormente colpita proprio nella parte sx dell'addome dove ci sono questo gruppo di linfonodi..!
La TAC come responso finale dice: "probabile malattia linfoproliferativa".

In attesa di una sua risposta invio i miei più cordiali Saluti..