Utente 149XXX
Salve, scrivo per avere una risposta sulle conseguenze della azatioprina rispetto ai globuli rossi.Il problema si è manifestato a mio marito, affetto da morbo di crohn diagnosticato 2 anni fa. Le terapie antibiotiche e cortisoniche dopo 1 anno non hanno dato un risultato e diagnosticata una stenosi ileale si è passati all' azatioprina.Il primo controllo mensile non ha rilevato alcun problema a livello dei globuli bianchi e rossi, così come per amilasi lipasi..insomma nulla di segnalato.Ora al secondo mese, le analisi sono decisamente cambiate: (seppur mio marito non abbia sintomi di recidiva).
VES 11
GOT 29
GPT 27
GAMMA GT 18
BILIRUBINA TOTALE 2,25
DIRETTA 0,43
INDIRETTA 1,82
FOSFATASI ALCALINA 198
AMILASI 71
LIPASI 23
WBC 3,2
RBC 3,14
HGB 11,0
HCT 32,8
MCV 104
MCH 35,0
MCHC 33,5
RDW 15,2
PIASTRINE 222
MPV 10,0
PCT 0,222
PDW 11,5
Nella formula leucocitaria sono segnalati
Linfociti 1,1 RIS k/ul
Neutrofili 1,9 Ris k/ul
Il gastroenterologo non ritiene l'azatioprina responsabile dell' abbassamento dei globuli rossi,ma uno degli effetti collaterali non è quello di inibire la funzionalità midollare? Se in due mesi di immunosopressore a dosaggio minimo,( il gastro aveva consigliato 50mg il primo mese e 75 il secondo, ma mio marito non ha aumentato!) i valori dei globuli stanno scendendo al di sotto del limite minimo non sarebbe il caso di sospenderlo? e una cosa che mi preoccupa è la bilirubina alta che non riusciamo a capire!Insomma se mio marito si sente bene,(a parte un po' di stanchezza latente) pare che le analisi dicano il contrario!! Vorrei tanto capire!!
Grazie.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il trattamento con farmaci immunomodulatori come l'azatioprina è sempre molto delicato e richiede grande attenzione e controlli ravvicinati. D'altronde l'efficacia del farmaco è innegabile e spesso permette di controllare situazioni altrimenti molto attive. Il mio consiglio è quello di avere un assiduo rapporto con il suo specialista di riferimento e di seguire tutte le sue indicazioni. Cordiali saluti.