Utente 149XXX
Gentili dottori, trovandomi in Thailandia ho avuto un problema con una vescica (bolla) al lato dx del mio ano(esterna), sviluppatasi in meno di 48 ore e diventata nell'arco delle stesse, di una dolorosita' incredibile indipendentemente da qualsivoglia azione motoria compissi. Mi sono recato al pronto soccorso di un grosso e rinnomato ospedale, mi e' stato detto che avrei dovuto sottopormi a ricovero ed intervento chirurgico, ricoverato per una notte e sottoposto ad intervento chirurgico il giorno stesso in regime di annestesia spinale la vescica e' stata asportata e drenata dalla sostanza in essa contenuta, ora mi ritrovo una suerficie piata ed aperta della grandezza di una moneta da dieci centesimi. Qual'e' il miglior trattamento post-operatorio? mi sono stati prescritti antibiotici per 10 gg tre compresse al giorno e lavaggio con acqua calda con seguente disinfezione con tintura di iodio al 10% in piu' due bustine al giorno di fibre per regolarizzare e facilitare l'espulsione delle feci. Tutto cio' e' per voi corretto? ed ancora con cosa dovrei lavare (detergente) la parte trattata durante la doccia? puo' essere appropiato l'uso del sapone di Marsiglia?
Vi ringrazio anticipatamente dei vostri preziosi consigli, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Con quale diagnosi è stato dimesso ? Cosa c'è scritto
sul foglio di dimissione.

Suppongo "operato X vescica (=bolla)" sia una interpretazione sua.
[#2] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In linea di massima non sono d'accordo con l'uso dei saponi: meglio un detergente molto delicato. Pero' sarebbe opportuno che lei ci facesse sapere con precisione la diagnosi e se e' stata chiusa la ferita oppure lasciata aperta: in questo modo potremo darle qualche indicazione in piu'.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
Gentili Dr. Salvo & Dr. Spina,
Anzitutto grazie per la vostra attenzione ed il vostro tempo! purtroppo essendo stato operato in Thailandia ed essendo il conto di tale operazione a totale carico della mia assicurazione Thailandese, tutti i documenti nonche' la fattura con le varie prestazioni ed il foglio di dimissione e diagnosi sono stati redatti in lingua locale, impossibile per me dunque da comprendere. Cerchero' di essere il piu' preciso possibile, utilizzando le informazioni fornitemi dal medico a voce in inglese. La ferita e' stata lasciata aperta e la diagnosi dovrebbe essere(se la mia traduzione dall'inglese e' corretta)ascesso, dovro' recarmi ad un controllo dopo 15 gg dalla data dell'operazione. Sarebbe a me sufficiente sapere da Voi; la tintura di iodio e' il miglior modo per pulire la ferita aperta?, non sarebbe il caso di applicare pomata antibiotica e/o cicatrizzante?, Posso allora lavarmi, durante la doccia oppure dopo aver evacuato con un detergente delicato, tipo per igiene intima?
Vi prego di scusarmi per non essere stato in grado di fornirvi informazioni piu' dettagliate...
Distinti saluti ed ancora GRAZIE!
[#4] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Probabilmente serve un disinfettante, ma aiutarla senza avere la possibilita' di visitarla e' estremamente difficile. Ma se la ferita e' aperta, le avranno dato un appuntamento per una visita di controllo, o no? Senza contare che in linea di principio bisognerebbe sempre seguire le indicazioni del Medico che la segue, Thailandese o Italiano che sia...
Cordiali saluti