Utente 101XXX
Salve,
vorrei un'informazione.

Qualche giorno fa ho fatto sesso occasionale con una prostituta.
La ragazza ha fatto gli esami a Ottobre/Novembre (compreso Hiv) ed era risultata perfettamente sana.
Ha rifatto gli esami 1 paio di settimane fa (solo per sicurezza) e sta aspettando gli esiti.
Durante il rapporto purtroppo il preservativo si é rotto e c'é stata eiaculazione in vagina.
Dopo una decina di minuti dal rapporto ho provveduto a lavarmi accuratamente.

Secondo voi ammesso e non concesso che lei sia sieropositiva (ripeto che gli esami di Novembre erano perfetti) che possibilità di contagio posso aver avuto con quell'unico rapporto ?

P.s: mi sono documentato e so che in generale con un unico rapporto a rischio la probabilità di contagio va dal 1% al 3% (sempre che lei sia sieropositiva), che molto dipende dalla carica virale e che cmq la trasmissione da donna a uomo é
un pò più difficile...

Grazie in anticipo per le vs risposte.

Cristian
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

anche un solo rapporto a rischio può dare il contagio; è logico, poi, che la probabilità aumenti con l'aumento del numero dei rapporti a rischio.

Il fatto che la sua partner occasionale abbia rifatto gli esami due settimane prima e anche ammesso che risultino anche questi negativi, non significa che non possa essersi contagiata successivamente.

Ammesso e non concesso che lei sia sieropositiva, il suo rapporto, data la rottura del profilattico, è da considerare a rischio e come tale vanno programmati i test sierologici del caso.

Tenga anche presente che vi sono anche altre malattie a trasmissione sessuale (sifilide, HPV, gonorrea, eccetera).

Non dico questo per spaventarla, ma per una doverosa completa informazione.


Storia dell'AIDS
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=119197

modalità trasmissione HIV
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58099

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dottore, a tal proposito vorrei sapere..

Questi e altri tipi di malattie sessualmente trasmittibili sono "gravi" o facilmente debellabili con cure mediche non invasive ? E poi cos'é la HPV ?

Un'ultima domanda, io sono d'accordo sul fare il test (anche se dovrò aspettare immagino 4/5 mesi) ma anche a lei risultano i dati che ho trovato su documenti ufficiali (quelli che dicono che con un singolo rapporto a rischio la probabilità di contagio va dal 1% al 3% e che da donna a uomo il contagio é un pò più difficile ?)
La ringrazio.
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
l'HPV è il virus del papilloma, che per l'uomo è solo fastidioso ma nella donna può dare il cancro del collo dell'utero
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

Il test HIV va fatto a 30 e a 90 giorni dal rapporto a rischio, non dopo 4-5 mesi.
Se non si è mai sottoposto al test, le consiglio di farlo anche quanto prima, se non altro per verificare la situazione di partenza

Le percentuali così precise da lei citate non hanno un fondamento scientifico.
Il contagio da donna a uomo ha una probabilità solamente un poco più bassa del contagio uomo-donna; la probabilità più alta la dà il rapporto anale.

Saluti.
[#4] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Dottore io capisco il suo rigore nelle informazioni però
i dati e le percentuali che ho scritto non li ho derivati da un forum o da qualche articolo su internet ma da FONTI UFFICIALI MEDICHE.
Secondo lei allora quante possibilità di sono di un contagio con un unico rapporto non protetto ?

Cosa intende poi per "situazione di partenza" ?
Non sono mai stato esposto a rapporti a rischio prima di
ora in vita mia.

Un'ultima cosa. lei mi consiglia di fare il test il 10 Maggio (30 giorni dopo) e poi il 10 Luglio ?

Grazie
[#5] dopo  
Utente 101XXX

Iscritto dal 2009
Non risponde più nessuno ?
[#6] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Se non è mai stato esposto prima a rischio, il test va fatto a 30 e a 90 giorni

Non badi alle percentuali, che sono fuorvianti perchè falsamente tranquillizzanti
e se lei fosse nel range del 1%-3%? impossibile saperlo

perciò, deve importarle che anche "un solo" rapporto a rischio può esporre al contagio