Utente 154XXX
salve dottore,
volevo chiederle se con un test hiv anticorpi di terza generazione,effettuato al 3° mese dopo l'evento a rischio Rapporto orale passivo potevo chiudere definitivamente la questione o sottopormi a test più specifici come la ricerca dell'antigene p24

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Anche con i tests di terza generazione vengono ricercati gli anticorpi nei confronti di p 24 per cui può considerare chiusa la questione, stia tranquillo.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 154XXX

mi scusi ma leggendo in rete (fare il medico era la mia passione ma per diverse conseguenze famigliari,la scomparsa prematura di mio padre iniziai a lavorare)leggo Precisamente, quando si parla di test ELISA riferendosi al comune test dell'HIV, ci si riferisce al test che ricerca nel sangue anticorpi diretti contro gli antigeni gp41 e gp120 per l'HIV-1, gp36 e gp105 per l'HIV-2.
e poi chiamando al laboratorio presso il quale ho eseguito l'esame hanno specificato che era un test anticorpi e non antigene infatti la dicitura della risposta era

anticorpi anti hiv1-hiv2 assenti

[#3] dopo  
Utente 154XXX

mi scusi ma se ho capito bene dottore,e la prego di correggermi se sbagli
allora:

un test elisa di 3 generazione ricerca gli anticorpi anche nei confronti della proteina p24
mentre quando parliamo di test antigene p24
esso non cerca gli anticorpi ma la proteina p24 quindi parte del virus stesso e non la formazione da parte del sistema immunitario degli anticorpi


detto questo posso essere tranquillo e non sottopormi al controllo semestrale?

[#4] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Allora mttiamola su un piano di semplicità estrema. In qualunque malattia infettiva si può ricercare sia l'antigene ( virus ) che l'anticorpo specifico nei confronti del virus o batterio che sia. Nel caso HIV i test di terza quarta, quinta ecc.. generazione sono tutti, ripeto, tutti altamente sensibili e speciifici e vanno a ricercare gli anticorpi nei confronti delle varie proteine virali . La p 24 è una di queste che però spesso viene ricercata con tests cosiddetti combinati cioè che ricercano l'anticorpo e l'antigene. Questo sul versante tests classici di tipo anticorpale. Esistono poi metodiche di amplificazione degli ac. nucleici virali di tipo NAT o PCR che vanno a ricercare l'antigene cioè il virus e queste possono essere di tipo qualitativo o quantitativo. In conclusione i tests da lei fatti sono pienamente validi ed affidabili
Un saluto

A. Baraldi

[#5] dopo  
Utente 154XXX

allore dottore con un test hiv anticorpi di 3° generazione a 3 mesi posso chiudere questa storia e stappare una bottiglia di spumante???

[#6] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Sì, stappi la bottiglia
Un saluto

A. Baraldi

[#7] dopo  
Utente 154XXX

gentile dottor baraldi un ultima considerazione,
leggendo i vari post del sito medicitalia spesso viene affermato che un test per essere definitivo a 3 mesi deve essere combo cioè ricercare anche l'antigene p24 se non è cosi ripeterlo a tre mesi per essere definitivo

può spiegarmi questa piccola differenza di pensiero e confermarmi se posso tornare a stappare (la bottiglia l'ho rimessa al fresco)

[#8] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Ma dove l'ha letto ??? , io personalmente non l'ho mai scritto. Un test per essere definitivo deve essere stato eseguito al 100° giorno, ed a questo periodo si và a cercare sempre la p24, dal fatto e può essere un test soltanto di ricerca anticorpi perchè al 100° giorno o ci sono e quindi il soggetto è sieropositivo o non ci sono e quindi il soggetto è sieronegativo. Spero di avere chairito definitivamente !!!


PS L'errore l'ho fatto io, se errore si può definire, quando ho voluto dire troppo sulle varie generazioni di tests e queesto ha portato a pensare che un test di terza genaerazione non sia attendibile. COSI' NON E'!!!!
Un saluto

A. Baraldi

[#9] dopo  
Utente 154XXX

sono andato nel panico per aver letto questo

gentile utente,
mi pare di capire che siano praticamente tutti concordi nell'escludere un rischio di contagio con le modalità da lei descritte ed anch'io sono dello stesso parere.
Per quel che riguarda il periodo finestra questo dipende dal tipo di test effettuati.
Nella maggior parte dei casi sono sufficienti tre mesi.
Se si utilizza ancora il test Elisa semplice debbono trascorrere sei mesi per escludere un'infezione.
In ogni caso la tumefazione dei linfonodi del mento , la faringite ed il dolore al muscolo pettorale non hanno niente a che vedere con un'infezione da HIV.

Cordiali Saluti


Dr. R. C.

il quale è un medico che risponde in questo sito

[#10] dopo  
Utente 154XXX

ma avviamente leggendo il suo curruculum vitae dott.Baraldi nulla da eccepire e se le fa piacere vengo al S.Camillo e brindiamo insieme

[#11] dopo  
Utente 154XXX

un ultima considerazione dottore perchè quando si parla di test elisa non si dice che gli anticorpi vengono cercati anche per la p24 e solo per anticorpi diretti contro gli antigeni gp41 e gp120 per l'HIV-1, gp36 e gp105 per l'HIV-2.??

[#12] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Non se ne parla perchè sono dettagli tecnici , ma tutti tutti i test in commercio sono altamente sensibili e specifici
Un saluto

A. Baraldi

[#13] dopo  
Utente 154XXX

allora dottore lei mi dà la sua parola che posso dimenticare l'accaduto?



p.s. un ultima gentilezza cosa sono le sieroconversioni tardive?

[#14] dopo  
Utente 154XXX

e poi è possibile correlare una sinusite a sintomo hiv dopo 5 mesi e mezzo??

[#15] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Io non sò più come dirlo . STIA TRANQUILLO !!! Le soieroconversioni tardive riguardano persone GIA' GRAVEMENTE AMMALATE PER IMMUNODEPRESSIONI PREGRESSE. LA SINUSITE NON C'ENTRA NULLA CON HIV !!!!!!!!!!!!
Un saluto

A. Baraldi

[#16] dopo  
Utente 154XXX

dottor baraldi ho scoperto su y.t. sito di vari video e c'è un interessantissima intervista al prof Montagnier dove si parla sulla trasmissione dell'hiv io sono rimasto sconvolto e trovo che il vostro sito è l'unico e ripeto unico dove viene realmente trattato il problema in maniera seria e veramente professionale

http://www.youtube.com/watch?v=_6DatT62YyU

questo è il link
e ancora grazie

[#17] dopo  
Utente 154XXX

cosa ne pensa?

[#18] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Che dire : perfettamente d'accordo con Montagnier salvo il discorso del bacio che ad oggi si è visto non trsmettere l'hiv anche se la saliva può contenere pochissime particelle virali. E' passato alla storia, se ricorda, il bacio in bocca dato con la lingua dal Prof Aiuti ad una malata di AIDS
Un saluto

A. Baraldi

[#19] dopo  
Utente 154XXX

allora io sto tranquillo come dice lei ok??
e al prossimo consulto (che spero per me il più lontano possibile)

arrisentirla doc (scusi per il doc ma quanto mi piace chiamarla così)

[#20] dopo  
Utente 154XXX

test 30 giorni negativo
test 60 giorni negativo
test 90 giorni negativo
test 181 giorni negativo



ora sono fuori dal tunnel
fine di un incubo

dott.Baraldi grazie di tutto