Utente 115XXX
Gentili Dottori,
ho una relazione stabile da circa tre anni con una ragazza (io 26 lei 28).La visita ginecologica effettuata da lei non ha riscontrato problemi. Non facciamo spesso l' amore e la penetrazione non risulta sempre liscia. Non ho mai avuto problemi di eiaculazione precoce, ho sempre avuto tempi nella "norma" a seconda del mio stato psico-fisico, ma ultimamente mi sto accorgendo che arrivo al punto di non ritorno con una facilità estrema e questo mi sta creando qualche paura. Questo week end abbiamo dormito insieme e nell'arco di due giorni abbiamo fatto l'amore tre volte e proprio nell'ultima che dovrebbe essere quella in cui doveva durare di più dopo qualche spinta ho raggiunto l'eiaculazione con molto liquido seminale.
Nelle prime due non è durato tantissimo ma sicuramente di più dell' ultima volta. Si può parlare di eiaculazione precoce? Da cosa può dipendere questo mio comportamento?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Csro signore,
eiaculazione precoce dipende prevalentemente da fenomeni psicologici nella maggioranza dei casi, nella minoranza da infiammazioni locali (prostata o prepuzio), da alterazioni ormonali o da alterazioni anatomiche del pene (fimosi). Senta un collega dal vivo per diagnosi e terapia. Che di qua non si riesce
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
l'eiaculazione precoce, è tra le disfunzioni sessuali più frequenti, anche in ragazzi molto giovani.
Inoltre può essere anche di tipo "secondario", cioè che si manifesta dopo un noramale periodo di adeguato funzionamento sessuale.
Come le ha suggerito il Dr.Cavallini,consulti un andrologo di sua fiducia,che possa effettuare una diagnosi andrologica, per escludere cause infiammatorie o altro e, successivamente consulti un sessuologo clinico, con cui lavorare sulla sua e.p., sulle cause, sulle cattive abitudini sessuali, sui tempi eiaculatori,sull'ansia ad essa associata.
Lavorerà con lei e la sua coppia, con la vostra sessualità, mediante mansioni sessuali, all'interno di sedute di terapia sessuologica.
Auguri.





www.valeriarandone.it