Utente 131XXX
Gentili cardiologi vorrei porvi un problema che da circa una settimana mi assale.A Settembre 2009 mi sono sottoposto ad uno studio elettrofisiologico endocavitario per vedere se veniva confermata la tachicardia parossistica diagnosticata con un Holter delle 48h.Lo studio elettrofisiologico però non ha evidenziato alcuna aritmia ed è risultato negativo.In questi ultimi giorni avverto delle extrasistoli continue che iniziano la mattina e si protraggono fino alla sera senza pausa. Ho 23 anni ed ho molta paura per queste extrasistole continue.Le avverto dopo ogni battito normale.Può il mio cuore essere peggiorato in cosi poco tempo.Grazie della risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Se la Sua percezione di aritmia è così frequente come ci racconta, è senz'altro il caso di ripetere l'ECG Holter. Naturalmente, non vedo alcuna correlazione fra lo studio elettrofisiologico eseguito e l'insorgenza di questo eventuale evento aritmico, dato il lunghissimo lasso di tempo ormai trascorso dall'esecuzione della procedura (il titolo del Suo post è in questo senso un po' fuorviante).
Cordiali saluti