Utente 104XXX
Gentili dottori,
io e mio marito siamo sposati da cinque anni e stiamo tentando di avere un bambino. Dopo due aborti naturali entrambi al terzo mese, uno avvenuto nel 2007 e l’altro nel 2008, non riusciamo ad averne.
Io ho 44 anni e mio marito 52.
Il ginecologo dopo innumerevoli esami a cui mi ha sottoposta, ha consigliato a mio marito di fare l’esame del liquido seminale il cui risultato è:

ora eiaculazione: 10:35
giorni astinenza: 4
volume: 2.5 ml
aspetto: disomogeneo con fila
colore: grigiastro
viscosità: aumentata
fluidificazione (in minuti) : <=15
ph: 7.6
numero spermatozoi / ml: 87x10

MOTILITA’ (in %) h m
validamente progressiva 34%
lentamente progressiva 19%
stazionaria (in situ) 0%
assente 47%

esame a fresco: rare cellule tonde nucleate

mixed antiglobulin reaction (M A R Test) : negative

ESAME MORFOLOGICO (Colorazione Papanicolau) = Valori in %

spermatozoi normali: 5%

spermatozoi anomali cellule x10 /ml
Macrocefali: 1%
residuo citoplasm. : 4%
collo: 1%
testa amorfa: 73%
patologia acrosoma: 16%

C’è qualche cura che mio marito potrebbe fare per migliorare o dobbiamo rinunciare all’idea di un figlio nostro?
Questo risultato aumenta la possibilità di avere un bambino diversamente abile o con gravi patologie?
Dobbiamo continuare a provare?

Vi ringrazio in anticipo per la cortese risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Signora,considerando l'eta' matura,ritengo che,aldila' di approfondimenti diagnostici relativi alla prostata e vescicole seminali,che producono la parte liquida dello sperma,sia mandatario uno studio genetico e biomolecolare , considerando che,in presenza di aborti ripetuti entro il III mese,la parte maschile non puo' essere ignorata...Che ne pensa l'androlog di riferimento (se mai e' comparso...)?Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta.
I vari ginecologi ai quali ci siamo rivolti hanno rivoltato me come un calzino ma non hanno mai suggerito, fino a questo momento, di rivolgerci anche ad un andrologo (che vedremo la prossima settimana)…
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non si nasce per partenogenesi...Ci aggiorni in merito.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore,
l'andrologo ci ha consigliato di ricorrere all'inseminazione intrauterina ma solo dopo un'isteroscopia ed una ISG (unici esami che mancavano per completare il mio quadro).
Vista la nostra età quali probabilità abbiamo di un esito positivo?
Gli esami ai quali mi dovrei sottoporre comportano rischi?
Grazie e buona giornata
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ha risposto in merito agli esami genetici e di genomica molecolare.
Ci racconta di essere stata rivoltata come un calzino ma,in fisiopatologia della riproduzione,gli esami consigliati (dall'andrologo ?!) sono in prima fila...
Vedo un po' di confusione di ruoli e strategie...Cordialita'.
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

a mio parere i suoi 44 anni rappresentano un problema rilevante nel desiderio di ottenere una gravidanza.
Al di là delle problematiche specifiche io le consiglierei di rivolgersi ad un centro di Procreazione Medicamente Assistita o ve si possa cercare di ottenere una gravidanza in tempi adeguati
Cari saluti
[#7] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimi dottori,
gli esami genetici e di genomica molecolare
non hanno rilevato nessun problema...
Grazie, cordiali saluti
[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...a questo punto,le alternative sono due,o affidarsi al caso o ricorrere alla PMA ma,entrambe le scelte,non escludono una terapia al partner maschile.A tal proposito solo una visione diretta puo' essere plausibile.Cordialita'.