Utente 159XXX
Buongiorno,
a seguito di una analisi di controllo del sangue ho riscontrato valori nella norma per tutte le voci eccettuato il valore di creatinina nel sangue che segna 1,46 mg/dL rispetto a valori di riferimento 0.40-1.30.
i miei dati sono:
età 70 anni
peso 93.5 kg
statura 187 cm
azotemia 51 mg|dL
Sono stato operato sette anni fa di tumore al colon (T2 n0 m0)e non ho avuto recidive ed è per questa ragione che mi sottopongo alle analisi con regolarità.
Come farmaci sto assumendo Ritmonorm 750 mg|die a causa di aritmie (f.a.) ben controllate da anni, Plaunac 20 mg|die e Amlodipina 5mg|die per controllare una ipertensione in atto da vari decenni (patologia ben presente nella mia storia familiare).
Sempre per il passato problema al colon mi sottopongo ogni sei mesi a ecografia addominale che evidenzia da anni cisti in entrambi i reni e al fegato ma non altre patologie.
Ancora da anni ogni tanto ho problemi di cistite che risolvo con antibiotici ed antiinfiammatori.
Vorrei veramente conoscere la Vostra autorevole opinione perché non ho ancora capito se mi devo preoccupare e quanto per i miei reni.
Saluto sentitamente e ringrazio per la Vostra gentilezza.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Caro Signore,

la sua creatininemia è lievemente superiore al valore desiderabile; ciò consente di stimare che i suoi reni funzionino al 45-50% del normale, una valore che consente una vita sostanzialmente normale.

Questa modesta disfunzione si inquadra in un profilo di malattia vascolare generalizzata (aterosclerosi) che merita di essere controllata regolarmente. L'ipertensione arteriosa è il dato che lei ci segnala e che rappresenta il fattore di rischio principale per la progressione della disfunzione renale. L'ipertensione deve essere tenuta a bada riducendo l'introito di sale con la dieta e con i farmaci; nel suo caso la pressione dovrebbe essere inferiore a 130/80 mmHg. Se non lo fosse, bisognerebbe agire di conseguenza.
Vanno poi valutati altri fattori di rischio cardio-nefro-vascolare: l'abitudine al fumo, che deve cessare; la dislipidemia; il metabolismo glucidico.
Ritengo, in sostanza, che ci sia l'indicazione a che lei si rivolga a un nefrologo per essere seguito nel tempo, senza particolari ansie ma con obiettivi ben chiari.

Un saluto