Utente 161XXX
buona sera dottore, scusi se mi rivolgo solo alei ma leggendo le sue risposte mi sono accorto che lei e' forse l urologo piu competente del forum.
le spiego brevemte la mia stori ed i motivi perche mi rivolgo soo alei.
circa tre anni fa ho avutouna prostatite, dopo numerose cure antibiotiche durate quasi un anno la malattia e' guarita, sto bene non ho sintomi.
durante il periodo della prostatite non ho mai avuto problemi di erezionenemmeno occasionali.Circa un 15 giorni fa ho fatto una visita di controllo da un urologo di cui non faccio il nome per motivi di privaci ma posso solo dire che e' stato presidente del auro. mi ha trovato bene, dall ecografia non ci sono nemmeno calcificazioni,premetto che sono rimasto scottato da questa patologia e sopratutto dalla paura che mi ritorni. ora arriviamo al dunque, quando gli ho fattola domanda fatidica cioe' sela prostatite crea impotenza, lui mi ha risposto di no, che non centra nulla col meccanismo di erezione, eventuali impotenze sono date dal dolore, cio da cause psicologiche legate ad una diminuzione della libido.
Mi sono messo a navigare su internet ed ho trovato alcuni siti che affermano il contrario, allora la domanda che le pongo e le chiedo se per cortesiapuo darmi una risposta precisa senza mandarmi in un link e se la prostatite provoca impotenza! e cosa ne pensa la medicina, esistono piu teorie? ci sono delle line guida universali? chi a ragione? scusi se le faccio tutte queste domande, ma l'argomento mi crea molta ansia, e ancora di piu il fatto di non avere una risposta univoca. ringraziandola in anticipo le porgo i miei piu distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non esistono più "teorie" ; ascolti le esatte indicazioni ricevute dal suo urologo che sono corrette e condivisibil.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile lettore,
scusi se mi intrometto,vorrei aggiungere la mia interpretazione clinica al suo disturbo.
I meccanismi eiaculatori, sono differenti da quelli deputati all'erezione, così come il flusso ideico e le emozioni correlate. Per "cause psicologiche", si intende la paura ed il disagio per la medicalizzazione della sua sessualità( prostatite),la zona pelvica è fortemante investita emozionalmente ed è associata alla sfera sessuale.
Il meccanismo erettivo è molto sensibile , frequentemente vulnerabile , inoltre è correlato a tanto altro, rispetto alla genitalità.
Auguri.






www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

se desidera ancora di più approfondire queste tematiche, le consiglio proprio la lettura del suo bel libro della dra Randone, appena pubblicato, dal titolo: "Sessualità: usi e costumi degli italiani sotto le lenzuola" Casa Editrice Kimerik .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Spett. Dottor beretta la ringrazio per la risposta, dimostra molta proffesionalita. Volevo farle un ultima domanda, sempre al mio urologo ho chiesto se l ipertrofia provoca impotenza, lui mi ha risposto che non esiste nessuno studio accreditato che dimostri una relazione tra ipertrofia ed impotenza, solo il dolo o fastidio può indurre una riduzione di libido ma si tratta di fattori psicologici. Poi mi ha detto una cosa che mi ha fatto un Po riflettere e cioe che alle volte le multinazionali del farmaco pubblicano delle ricerche scientifiche poco attendibili al fine di stimolare la vendita del farmaco. Navigando su Internet ho trovato degli urologi che sostengono che l. Ipertrofia provoca impotenza. La mia domanda e' la seguente, chi ha ragione il mio urologo o gli urologi di Internet? Scusi se le faccio queste domande, ma questi argomenti mi creano ansia e sopratutto mi crea incertezza il fatto di non trovare INA risposta univoca. Come mai ci sono queste difformità nelle risposte? La ringrazio in anticio e mi complimento per il servizio che lei rende alla comunità.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua i consigli e le informazioni ricevute dal suo urologo sono condivisibili.