Utente 162XXX
Gentile dottore,
Mi è stato praticato del sesso orale da una prostituta con il preservativo fornito da quest'ultima. Il mio timore è che il preservativo potesse essere già stato utilizzato (non ho verificato l'integrità della confenzione) visto il comportamento strano che ha avuto la donna a fine rapporto (ha insistito per toglierlo lei e lo ha sfilato in modo meticoloso come se avesse intenzione di riutilizzzarlo). A tre giorni dal episodio mi si è presentato un bruciore leggero ma continuativo al glande che mi ha fatto subito pensare ad una malattia sessualmente trasmissibile. Le mie domande sono le seguenti: è possibile contrarre il virus dell'HIV in questa modalità? quanto tempo deve trascorrere prima di poter fare degli esami per escludere le MST? quale può essere la causa del bruciore? Grazie in anticipo della risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
mi sembra MOLTO difficile che un preservativo possa venire riutilizzato,lavato,ripiegato e riutilizzato.
E tutta questa fatica per risparmiare un euro?
Il suo dubbio che sia stato usato un preservativo contaminato dallo sperma fresco di un precedente cliente, infetto per giunta, penso che sia eccessivamente pessimista. In questo remoto caso certo vi sarebbe rischio.Ma lo escluderei.
La sensazione di bruciore che lamenta invece può essere più ricondotta a fatti irritativi o allergici, da verificare con il dermovenereologo, senza ansia.
Cordialità