Utente 150XXX
4 anni fa fui colicistectomizzato in via laparoscopica.
Per farla breve da quella data ho avuto sempre i classici disturbi di variabilità dell'alvo con conseguente peregrinaggio in vari studi medici e laboratori di anaisi.
seguita colngio rRMN colonscopia ed esami del sangue possibili ed immagibabili che non metteonoin rilievo distubi molo gravi:
In un DIRETTA RENALE ESEGUITA SEMPRE PER CONTROLLI... VENNE DIAGNOSITCATO UNA F0RMAZIONE CALFICA AL RENE DESTRO.
Tale formazione non venne presa in considerarazione dal mio nedico di base riteneva che tale formazione era da attribuire ad una clips chirurica post interevento alla colicistiin via laparoscopica eseguita 3.3.2006.
Successivamente mi sono sottopsoto a terapia di tekar per la mia artrosi cervicale e dorsale.
Ilgiorno successivo le piccolemoletie e pizzichii alla sede dela colicisti ablata si sono fatti piu' insistenti ed insopportabi tanto che su parere del fisiatra ho eseguito una rx di fianco ed è risultatoche la famosa clips non era una -ma bensi'3 sovrapposte da indurre il radiogo a diagnosticareerroneamente una formazione calcarea al rebe dx
Poichèle molestie si sono accentiuate particoare quando sottopongo il corpo all'uso della muscolatura addominale supereriore e quando le condizioni di tempo sono variabili.
DOMANDA: in un intervento di colicistectomia laparoscopica quante clips comunamente vengono usate dal chirurgo?
e se tre..sonoun numero non discutibile perche' continuo ad avvertire fastidi che peggioranoi la qualità della vita.
Per cortesia non diagnosticatemi anche voi di essere uno psicosomatico o ipocondiraco.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il numero di clip che si utilizzano è variabile in base alla situazione locale ma non influenza l' esito o eventuali sintomi. Nel suo caso, la sintomatologia aspecifica credo vada ben studiata come sta correttamente facendo prima di porre indicazioni terapeutiche. Auguri!
[#2] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

non esiste un numero fisso di clip utilizzato per l'intervento di colecistectomia, tuto è in relazione anche alla tecnologia che si dispone.

per esempio io non ne uso utilizzando altri sistemi per chiudere il dotto cistico e l'arteria cistica.

il numero di tre clip comunque è n riscontro piuttosto frequente.

le clip comunque sono costituite da materiale che non determina infiammazione di per se ed inoltre nonostante la loro presenza è possibile sottoporsi all'esame come la risonanza magnetica nucleare.

i limiti di una valutazione a distanza sono noti, per questo olitamente mi astengo da diagnosi a distanza.

cordiali saluti e buona domenica
[#3] dopo  


dal 2010
grazie di cuore per la risposte tempestive.
Resto comunque con il mio disturbo che al momento che scrivo e' localicazzto tra la fine dell'esofago e la sua immissione nel duodeno in assenza di disturbi da reflusso esofagei avvertibilicon ramificazioni fino ai legamenti della cervicale.
1) Sono iuscito pochi giorni fa da una colonscopia con diagnosi di colilte ed emorroidi in soggetto con IPB.
Sarebbe il caso di sottopormi ad un a gastroendoscopia? o altro esame? gastroesofageo.......
2) la tekar come terapia potrebbe essere la causa dell'acuirsi dei disturbi.
Naturalmente considero le vostre risposte solo come indicazionie e non diagnosi on line.

Grazie mille e buona domenica
[#4] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non ho sufficiente competenza alla terapia che indica come tekar per esprimermi a riguardo mentre lo studio del tratto digestivo superiore potrebbe essere indicato mediante endoscopia, considerati i sintomi.La valutazione deve essere tuttavia fatta dallo specialista che la segue.
[#5] dopo  


dal 2010
ok grazie mille.
Dopo la colonscopia, la gastroscopia
Credo che ora mi tocchi fare l'autopsia... ci manca altro step da superare .......e poi avremo la diagnosi.
Non prentendovevo diagnosi ma e' possibile che la medicina e la chirurugia se non ti infilano prima 3 o 4 tubi non so da quale altro punto.... non sappia far altro.
Mi scusi l'ironia........
[#6] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prego. Generalmente parlando a parte l' ironia, che colgo condivido ed apprezzo, mi permetto di osservare che nel 2010 non è ammissibile formulare diagnosi quanto piu' attendibili solo sulla base della valutazione clinica, ovvero visitando il malato (che resta un passaggio ovviamente indispensabile e insostituibile). Un utilizzo ragionato e consapevole di tutti i mezzi tecnici a disposizione (radiologia, endoscopia, esami di laboratorio...) è altrettanto indispensabile ed insostituibile, altrimenti faremmo ancora diagnosi di malattia come all' inizio del precedente secolo...
[#7] dopo  


dal 2010
ok condivido - mi creda la mia ironia non era assolutamente offensiva.
Faro' come gli antichi Egizi o i Venusiani.(abitanti dei pianeti oltre il sistema solare.....)

Grazie.
[#8] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

vorrei aggiungere un altro contributo all'ironia.

gli antichi egizi non erano proprio male come medici e chirurghi,

consideri che il concetto di laparoscopia era già noto a quei tempi in assenza di antibiotici e tecnologia che noi invece, fortunati, abbiamo.

[#9] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo, non avevo minimamente inteso il commento in senso offensivo.
[#10] dopo  


dal 2010
Grazie ad entrambi, mi avete chiarito che l'uso di clips è normale in un intervento di colistitectomia laparoscopica, Vi siete astenuti da fare commenti sui relativi disturbi che pososno arrecarre se tali clips vengono poste dal chirurgo sovrapposte l'una all'altra per chiudere il dotto o i dotti della colicisti................:-)


[#11] dopo  


dal 2010
queta mattina so o stato dal mo medico di base che ha visionato la mia lastra eseguita di lato (diretta renale) dove si evidenziano i due punti metallici di cui uno chiuso e l'altro presemta una lato aperto.
Risposta: mi ha consigliato di consultare un chirurgo in quanto l'esame delle lastre non sono di sua competenza e mi ha prospettato eventuale... intervento di rimozione delle clips o punti mettallici, considerato il fastidio he esi arrecano simile a delle punture di spillo e simile a delle formiche che rodono dentro la sede della colicisti ablata anche in fase di stimolazione della m uscolatura addominale superiore.
In ultima analisi mi ha suggerito di tentare una terapia con LUCEN 40 (esomeprazolo) per presunta esofagite da reflusso asintomatica.

Sono in preda la panico o a una crisi di somatizzazione? solo al pensiero di un ulteriore intervento chirugico per la rimozione delle clips, per favore mi date un consiglio.
Consapevole che i vs suggerimenti non sostituiscono la valutazione o la diagnosi di uno specialista del settore
GRAZIE per la risposta
[#12] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Nella mia esperienza e per quanto a mia conoscenza in letteratura scientifica, non si è mai verificata una simile evenienza, tuttavia credo corretto seguire le indicazioni di chi ha potuto visitarla. prego
[#13] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

devo confermare l'opinione del collega favara.

le ripeto che le clips sono composte da materiale anallergico, titanio.

anche a me non è mai capitato un episodio analogo e non ho mai rimosso clip a così lunga distanza dal precedente intervento.

come ha già consigliato il collega si attenga ai consigli del suo curante.

cordiali saluti
[#14] dopo  


dal 2010
il mio medico curante mi ha consigliato di assumere una pasticca al giorno di LUCEN 40.
Pur considerando un'ulcera o una esofagite assumendo tale preparato non incorro in mascherazioni di eventiuali altre patologie piu' gravi?
Non sarebe opportuno fare indagini radiografiche o endoscopiche prima di assumere un inibitore come LUCEN 40?

Grazie

[#15] dopo  


dal 2010
...inoltre nella cartella clinica il chirurgo ha specificato : " In VLS individuazione della colecisti litiasica. Esposizione del triangolo di Calot. Isolamento, legatura con clips e sezione del dotto cistico. Isolamento, legatura con clips e sezione dei vasi cistici. colicistectomia ed estrazione della colecisti da uno degli accessi laparoscopici. Controllo emostasi.Drenaggio tubulare pericoledocico(?). Cute in vieryl:
DALLA RADIOGRAFIA SI EVIDENZIANO N.3 CLIPS E NON DUE COME DESCRITTO DAL CHIRURGO.

le molestie e bruciori continuano anche sotto sforzo muscolare quando viene implicata la muscolatura addominale superiore con radiazioni fino alla cervicale........
.......altro che letteratura scentifica?
[#16] dopo  


dal 2010
.........poiche attraverso i RX non si evidenziano bene per poter avallare la mia tesi penso che dovro' sottopormi ad un borbandamento di radiazioni (TAC)
cosa mi consigliate?
[#17] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Mi perdoni ma dove ha letto che il chirurgo ha descritto di aver utilizzato due clips? Tre clips è il numero abitualmente utilizzato e che rimane dopo la rimozione della colecisti.
[#18] dopo  


dal 2010
OK GRAZIE FORSE MI SARO' SBAGLIATO INFATTI IL CHIRURGO SCRIVE:Isolamento, legatura con clips e sezione dei vasi cistici.......
peccato che lei e' troppo lontano dalla mia residenza perche' sarei curioso di essere sottoposto da una sua consulenza.
Forse leggendo i mie post si sarà fatta un'indea sbagliata su di me, le posso assicurare che pur essendo un ansioso ( chi oggi non lo e') o come voi dite somatofome".... i disturbi sono reali anche se nella letteratura non ci sono casi da me descritti:
IL distrubo e' simile ad un senso di qualcosa che si muove all'interno come forte metereorismo dopo i pasti e che mi causa quell'ansia che i fa apparire somatoforme
Sappia che sono stato visitato da molto suoi colleghi psichiatri ed hanno escluso questo tipo di patologia....
forse si potrebbe solo pensare a quella fantasiosa sintomatologia che non tutti vogliono diagnosticare che troppi diagnosticano con molta facilità.
" F I B R O M I A L G I A......
[#19] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
La ringrazio per la stima.
Io non ho mai dubitato ne dubito lei 'soffra' e avverta i sintomi che riferisce, ci mancherebbe altro.
Ho solo espresso il mio parere relativamente all' aspetto 'tecnico' della colecistectomia e del posizionamento delle clips. Sara' compito poi dei colleghi che la seguono personalmente valutare attentamente i suoi sintomi, visitarla, suggerire gli eventuali accertamenti diagnostici ritenuti indicati e infine trovare una soluzione al suo problema attuale qualunque sia. Ancora auguri!
[#20] dopo  


dal 2010
la ringrazio per la sua pazienza e per le assicurazioni in merito.
Questa mattina ho iniziato a prendere il farmaco per l'esofagite Lucen 40.
La terro' informata per eventuali suoi orientamenti diagnostici e ringrazio anche il suo collega Catani per aver risposto ai miei quesiti.
Auguro ad entrambi un buon fine settimana e a risentirci presto.
[#21] dopo  


dal 2010
OPPURE POTREBBE TRATTRASI DI SEQUESTRO PERITONEALE...


http://xoomer.virgilio.it/frenzo/sequesit.htm
[#22] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

la ringrazio a mia volta ed in relazione al suo ultimo post non credo che sia il suo caso sempre con i limiti d una valutazione a distanza.

cordiali saluti

buon fine settimana
[#23] dopo  


dal 2010
lE ALLAERGBO UNA RISPOSTA DI UN SUO COLLEGA AL MIO QUESITO
Dopo anni di sofferente (30) per una colecisti uncinata in assenza di formazioni calcolitiche e continue coliche - il 3.3.2006 dopo una colangio RMN mi fu diagnosticata la presenza di calcoli, decisi di farmi operare in via laparoscopica. Intervento ok dopo due giorni è stato dimesso e dopo quindici G. mi furono tolti i punti. Continuai con una leggera dieta per circa venti gg. Dopo quella data la mia vita invece di migliorare divenne un inferno tanto da maledire il giorno in cui decisi di farmi operare.
Ho eseguito tutte le analisi possibili e immaginabili con esiti nella norma. + colonscpopia e colangio RMN nella norma, A seguito di tecarterapia lombare i doloretti si sono accentuati tanto che in una rx laterale (Dx) si sono evidenziate delle clip? O punti metallici? 3) che mi provocano notevoli fastidi anche nel sollevare una bottiglia acqua dal tavolo. Consapevole che tali clip sono di normale uso a me provocano un notevole fastidio. Domanda: potrebbe essere stata la tecarterapia a causare il tutto o devo considerare l’approfondimento di altri esami gastroendoscopici? per eventuale presenza di ernie iatali asintomatiche.
Non avverto rigurgiti e la digestione rientra nei normali processi se non affatico lo stomaco.
Grazie per la risposta.

Non mi sembra che i suoi disturbi siano sulle clip, non possono dare i disturbi che lamentano, sono possibili che abbia qualcosa alla colonna dorso lombare con fibromialgia secondaria. La terapia citata è una delle tante fisioterapie tipo TENS, magnetoterapia o simili non credo altrettanto che faccia qualcosa sulle clip che sono profonde nell’addome e lontane dalla muscolatura dorso-lombare. E’ una nuova terapia su cui non si sa tutto.
Prof. (ometto per motivi di privacy)
Fomanmda inviata ad altro sito web "Il medico risponde di altro web:
[#24] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

non ho capito molto del suo ultimo post.

forse ma uso non uno ma molti condizionali, che il collega che ha risposto, abbia il nostro stesso orientamento.

le ricordo, forse alla nausea, che le valutazioni a distanza hanno tutte dei grossi limiti.

quindi il consiglio comunque, per tagliare la testa al toro, è quella di conttttere il suo chirurgo.

cordiali saluti
[#25] dopo  


dal 2010
il collega che ha risposto e' uno dei piu autorevoli gastroenterologi del S.Orsola/Malpighi...ometto il nome per motivi di privacy- anche perche' i consulti on line dovrebbero e devono essere solo orientamenti e non sostituire la valutazione di una visita reale come lei ha specificato.
Per tale motivo Il giorno 2 luglio c.a. ho prenotato una consulenza chirurgica non dal chirurgo che effettuo' l'intervento ma da una vicina struttura pubblica la "testa la toro".
Che Dio mi aiuti...:-))
Sottolineo pubblica perche' un pensionato di 600euro al mese non puo' permettersi una struttura privata.
La terrò informata in modo che i miei post
i Vs. siamo orientamento anche per gli altri utenti.
Grazie della disposnibilità e cortesia.



[#26] dopo  


dal 2010
PER DOVERE E CORRETTEZZA RIPORTO GLI ESITI DELLA VISITA CHIRUGICA EFFETTUATA PRESSO UNA STRUTTURA PUBBLICA:
..per la verità non riesco ad interpretare i geroglifici che ha scritto il chirurgo:
riporto quando riferitomi verbalmente:
tratterrebesi di dispesia con dolori riflessi e accentuati con i movimenti da preseumibile causa di problemi lombari e cervicali( fibromialgia secondaria)...si consiglia ANTRA 20 1 cp. al di' (escludendo il LUCEN 40) al di per problemi di esofagite.
1) Ha escluso perentoriamente che possono essere le clip chirurgiche;
2) non ha ritenuto eseguire una ERCP per non causare altre problematiche......?
4))marzo 2009 fa da un gastroenterolo dopo dopo ecografia mi venne diagnosticata una coledocite distale con la prescrizione di DEURSIL 400 che non ho potuto prendere per problemi intestinali (diarrea) in soggeto colitico.
Fra la tre tesi no so a chi dar maggiore attenzione_
ERCP O COLEDOCITE DISTALE?
GRAZIE DELL'ATTENZIONE.
[#27] dopo  


dal 2010
...in effeti sento la stessa sintomatologia prima dell'intervento rircodo che nel 1975 una visita fatta a bologna dallo scomparso prof.Labo' mi prescrisse il cantabilin....per le mie discinesie biliari, sarebbe il caso di provare di nuovo queto farmaco?
non sio piu' cosa fare e sento come una puntura di spillo 24ore/su24. sto veramenrte sclerando?
[#28] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

le nostre capacità sono notevolmente ridotte per l'assenza della visita medica reale.

quello che gli altri medici le hanno detto, a differenza di noi hanno avuto questa opportunità, ha una importanza e rilevanza di molto superiore alla nostra.

io la ringrazio se nel futuro vorrà continuare a tenerci informati.

buona domenica
[#29] dopo  


dal 2010
altra possibile diagnosi potrebbe essere questa:

ipocondria?

http://www.psicoanalisi.it/psicoanalisi/psicosomatica/articoli/psoma3.htm# quindi e' inutile l'osservazione

continuo ma rischio di impantanarmi.....

se e' questo a cosa serve la visita di un chirurgo?

N:B: sono gia in cura da uno spischatra....
con la seguente
terapia:
xanax 0,25 ore 12,00 e ore 20,00 + 5 gocce di laroxyl la sera ma secondo me sono insufficienti per un ipocondriaco?
ci vogliono farmaci che difendono il mio intestino dagli attacchi continui sul sitema gastroenterico riflesso gastrocolico........con turbe dell'alvo diarrea.


Buona Domemica e grazie per la pazienza dimostratami
[#30] dopo  


dal 2010
...nonostante io faccio questa terapia non ho ottenuto risultati eccellenti se non quello di farmi dormire le mie 6 ore.
Siccome avete parlato che in letteratura non si sono verificate ma idisturbi da clip chirurgiche posso pero' sottolineare il significato del termine"sindrome post-colicistectomia" con presenza di sintomi dispeptici dopo la colicistectomia, Questi sintomi possono rappresetnare la continuazione dei sintomi che si pensava fossero causati dalla colecisti, calcoli o fanghigli biliare che transita nelle vie biliari, sia lo sviluppo di nuovi sintomi, alcuni dei quali causati proprio dalla rimozione della colicisti o causata da alterazioni del flusso biliare dovuto alla perdia della funzione del serbatoio.
Uno dei problemi che puo' sorgere è il continuo flusso di bile dalle vie biliari del fegato nel tratto digerente alto,- esofagite alcalina - da reflusso o alla gastrie cronica slcalina, per azione irritante dei sali biliari:
Cosi' si crea quello che io avverto un discomfort gastrointestinale.....
la seconda conseguenza è legata al tratto basso dellintestino, dove la presenza di unflusso continuo di sali biliari, ha una funzione catartica- causando la mia sindrome diarroica, specie in un soggetto da sindrome del colon irritabile.
Quindi ne deduco che possono essere indicati dei farmaci specifici per eliminare i distrubi e migliorare la qualità della vita.
Quindi la tesi di malattia immaginaria o ipocondriaca non regge e quindi posso dedurre che a nulla sono le costose visite mediche se la medicna di base fosse meno distratta/assente nel considerare il paziente nella sua globalita'
[#31] dopo  


dal 2010
Poiche' il termine 'psicosomatico' è oggi vetusto: la dicotomia psiche-soma è difatti ampiamente superata. L'alterato controllo neurovegetativo, cioè di quella parte del sistema nervoso che gestisce in automatico numerose funzioni vitali ed anche la motilità e percezione dolorosa a livello gastrointestinale) può esitare in una sintomatologia 'sine materia', ossia nella presenza di un malessere che non trova corrispondenza in una evidenza lesione organica (classico l'esempio del colon irritabile)?

Mi meraviglio che non date piu' corso ai miei post, forse nela vostra mente e' balenato il sospetto del classico stressato... o ipocondriaco?
Oppure perche' forse non mi ritetene un paziente non da prendere in carico... ma di scarico.
Ok grazie lo stesso mi siete stati molto utili......

[#32] dopo  


dal 2010
a tutt'oggi persisitono i fastidi alla sede delle colecisti ablata alzando il bracio destro....sono le clip
o una neuropatia?
non mi arrendo e continuo a sostenre che mi fanno male le clip.
Se qualcuno vuole aprire un caso clinico sono disposto ad essere visitato....naturalmente senza pagamento di nessun onorario.

Lo so gia cosa state pensando:questo e fuori con la testa - eppure sostengo la mia tesi:
dottore mi fanno male le clip o aderenze?
[#33] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

come già affermato in precedenza dopo un intervento chirurgico addominale esiste la possibilità della formazione di aderenze. queste aderenze, è stato provato, che tale evenienza, con la chirurgia laparoscopica ha una frequenza nettamente inferiore rispetto all'intervento tradizionale, aperto.

per quanto riguarda le clip, anche questo è stato già scritto che, essendo costituite di titanio, materiale inerte, con "moltissima" difficoltà possono produrre una sintomatologia da lei descritta, considerando inoltre che l'intervento, da lei affermato, si è verificato circa 4 anni fa.

direi che potrebbe e dovrebbe cercare di non pensare a tale evenienza, parlandone però con il suo medico curante.

a presto

cordiali saluti
[#34] dopo  


dal 2010
grazie per la sollecita risposta.
Egr. dottore se a Lei fa male un dente come fa a non pensarci?
Io continuo nella mia tesi che le mie clip mi fanno male fino a quanto avro' trovato un chirurgo che voglia ed abbia il coraggio di prendersi in carico l'apertura di un caso clinico anche se Lei non scarta l'ipotesi... che l'intervento in laparoscopia ha una frequena nettamente inferiore... per la formazione delle aderenze.

Propriop adesso sono sftato a ritirare le nalisi:
TRANSAMINASI G.O.T: 28
TRANSAMINAI G.P.T. 34
GAMMA GT (GGT) 21
BILIRUBINA TOT e FRAZ
totale 0,96
Diretta 0,20
Indiretta 0,76
FOSFATASI ALCALINA 158
IMMUNOGLOBULINE
IGA 232
IGG 1.119
IGM 127
L.D.H. 220

ESAME URINE
URINOCULTURA
Esito POSITIVO
Germi isolati Enterococchi 100.000
PSA 4,13 (età 64)
per questioni di spazio mi faccia saper se ha bisogno di altri valori che non le ho indicato

Grazie
[#35] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
inserire valori di analisi del sangue senza indicare il range di normalità non ha senso.

le porti al suo medico

cordiali saluti
[#36] dopo  


dal 2010
Ok le invio quanto richiesto.

Esame urina Positivo
Germi isolati Enterococchi 100.000
Antibiogramma
Pemicellino Entero < 8
Ampicillina <8
Eritromicina > 4
Tetraciclina < 8
Cloramfenicolo < 8
Rifamicina > 2
Ciprofloxacina < 1 < 2
Levoflaxacina > 2
Vancomicina < 4
Teicoplamina < 8
Nitrofurantoina < 32
Quinpristina-Dalfo > 2

CREATINEMIA 1,15 VALORE RIF 0,6-1,4
SODIO 148,00 " 137-150
POTASSIO 4,6 " 3,6-5,4
TRANSAMINASI GOT 28 " 0-40
TRANSAMINASI GPT 34 " 0-40
GAMMA GT (GGT) 21 " 10-60
BILIRUBINA TOT e FRAZ
Tot. 0,96 " 0,3-1
Diretta 0,20 0,-0,4
Indiretta 0,76 "
FOSFATASI ALCALINA 158 " 100-200
IMMUNOGLOBULINE
IGA 232 " 90-350
IGG 1.119 " 710-1520
IGM 127 40-250

L.D.H.

VES

1 ora 6mm " 2-10
2 ora 15 mm " 5-20
Indice di Katz 6,8 " 0-12

PCR 1,8 fino a 5
FERRITINA 109,1 25-380
TEMPO DI QUIK (PT)
Tempo protombina 13,0 " 10,5-14,4
in terapia 20,4-37
Attività protombinica 92,0 " 70-120
I.N.R. 1,04 0,9-1,25
in terapia 1,88-3,41
FIBRINOGENO 2,34 " 1,8-3,5
ESAMI DELLO STRISCIO PERIFERICO DEL SANGUE
ERITROCITI
Normali nella dimensione enella forma:
Granulari: Regolari con citoplasmatiche e con nucleo segmentato:
Non granulari: Regolari con citoplasma omogeneo e nucleo circolare
PIASTRINE
Lievemente inferiori alla norma come numero, normali nella forma e nelle dimensioni
Assenza di aggregati piastrinici.
PSA (Prostatico Specifico) 4,13 ESITI fino a 49 anni< 2,0
50-59 anni < 3,5
60-69anni < 4,5
70-79anni < 6,5
EMOCROMO nella norma
le PIASTRINE roisultano inferiori 136 RIF 150-441
[#37] dopo  


dal 2010
comunque le clip tirano sempre di piu'
Grazie
[#38] dopo  


dal 2010
chiedo la cancellazione di tutti i miei post ad oggetto:
colicistectomizzato.
grazie