Utente 437XXX
gentili dottori,
un mio amico mi ha appena comunicato di aver contratto l'epatite A. l'ultima volta che l'ho visto è stato circa due settimane fa, quindi probabilmente aveva già il virus in incubazione.
Avendo spesso bevuto dallo stesso bicchiere e fumato dalla stessa sigaretta e avendo pranzato talvolta a casa sua è possibile che abbia anch'io contratto l'epatite.
Inoltre trovandomi adesso dai miei familiari,nel caso in cui vi fosse una possibilità di esser stato contagiato, quali precauzioni dovrei prendere per evitare di contagiare anche loro?
vi faccio presente che sono dell'87,e tra i tanti vaccini che ho fatto a scuola, se non ricordo male, ve ne era anche uno contro l'epatite.
grazie per l'attenzione e l'utilissimo servizio
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

l'epatite A viene detta anche epatite alimentare, perché si contrae per via oro-fecale.

Il periodo di incubazione si aggira intorno al mese e durante questo periodo il soggetto che ne è affetto può avere contagiato le persone che sono state a suo stretto contatto.

Si tratta di una epatite benigna, che generalmente guarisce senza lasciare conseguenze e lascia una immunità permanente.
A volte la malattia decorre in modo asintomatico o con pochi sintomi, tra cui inappetenza e debolezza.

Non esiste alcuna terapia, se non il riposo e una dieta leggera durante la fase acuta.

La diagnosi si basa sul test sierologico (ricerca di anticorpi anti-HAV).

Esiste anche un efficace vaccino contro l'epatite A.

Cordiali saluti.