Utente 169XXX
Salve,

soffro di alcuni dolori agli arti (sporadici) e dopo aver fatto una visita neurologica per scongiurare problemi gravi, ho deciso di farmi dei controlli glicemici. Ho familiarità con il diabete di tipo 2 (zii paterni e materni e padre).

I valori (a digiuno e dopo i pasti) ottenuti sono i seguenti.

1 giorno - valore 118 ore 9.45
2 giorno - valore 113 ore 10.15
3 giorno - valore 117 ore 8.45
3 giorno - valore 115 2 ore dopo il pasto
4 giorno - valore 112 ore 8.45
4 giorno - valore 119 2 ore dopo il pasto
5 giorno - valore 127 ore 8.38

Soffro di iperuricemia (prendo 1 compressa di allopurinolo da 100mg al giorno) e di ipercolesterolemia (prendo armolipid plus).

Vorrei sapere:

- può essere colpa dell'allopurinolo il fatto che i miei valori a digiuno sono alterati? (nelle controindicazioni vi è scritto che può causare diabete mellito)
- esiste qualche farmaco (omeopatico) che mi consenta di controllare i livelli di acido urico senza ricorrere all'allopurinolo?
- devo fare qualche esame?
- credo di essere nella fase di pre-diabete, mi hanno detto che però si può rientrare nel valori normali, come devo comportarmi con gli alimenti visto il mio triplice problema?
- visti i valori alterati la dottoressa mi ha detto che soffro di sindrome metabolica, c'è un modo per curarla?
- 4 anni fa ho fatto una curva di carico (avevo dei valori alterati a digiuno) l'esame è andato bene (107 dopo la curva). Ora mi è stato consigliato di ripeterla, non rischio di affatticare il pancreas e quindi aumentare il rischio che mi venga il diabete?
- nel caso dovesse venirmi sarebbe di tipo 2 alla mia età?

Grazie


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino
48% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2004
I valori glicemici, stanno a indicare un quadro di alterata glicemia a digiuno.
Consiglierei di dosare anche l'Emoglobina glicata, il Peptide C e l'Insulinemia.
Da valutare la necessità di ripetere la curva da carico di glucosio, dopo averne parlato col suo medico curante o un diabetologo.
Non credo in interferenze dell'allopurinolo.
In ogni caso una correzione dello stile di vita alimentare e fisico, e'il primo presidio terapeutico, da attuare in tali circostanze.