Utente 157XXX
Salve,
il mio compagno ha subito un intervento di gastrectomia totale circa 3 settimane fa per adenocarcinoma al cardias.
Gli è stato asportato lo stomaco e 6 cm di esofago.
Da una settimana è tornato a casa e, nonostante sia forte e con una buona ripresa (ha 38 anni), l'alimentazione è il problema principale, che da fisico sento che sta diventando anche psicologico.
Mangia "poco e spesso", la formula magica del post-intervento, difficile però da capire nella pratica, perché il POCO non è chiaro. Appena mangia qualcosa in più ha la cosiddetta sindrome da svuotamento.
Ha sempre fame ed è già dimagrito di 6 chili, il che è preoccupante perché di costituzione era già molto magro.
Vorrei sapere se queste reazioni sono necessarie nel primo periodo (per permettere l'allargamento dell'ansa che sostituisce lo stomaco) e se poi andranno lentamente a scomparire col tempo.
Grazie in anticipo per la disponibilità.
Rita

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Si, sono possibili. In genere tendono a ridursi gradualmente, soprattutto seguendo le indicazioni dietetiche che gli sono state date,certo è essenziale capire che l' anatomia è stata sovvertita in modo importante per eseguire un intervento indispensabile per la vita e quindi non è possibile attendersi una ripresa delle normali funzioni digestive come se non fosse stato operato. Auguri!