Utente 170XXX
Salve.
Dopo aver consultato vari dermatologi in Italia , Spagna (dove ho risieduto) e Inghilterra (dove ho vissuto parecchi anni), non so piu' a chi chiedere, per cui provo in linea.
Ho un problema molto particolare di prurito cutaneo che si manifesta piu' o meno dopo 5 minuti che corro a passo costante. Il prurito che mi costringe a fermarmi si manifesta in varie parti del corpo, principalmente petto, fianchi superiori sotto ascelle ma niente ascelle, gambe, natiche. L'ultima volta mi si e' manifestato nel retro ginocchia e fiancho come descritto sopra.
Una volta che mi fermo, dopo un minuto rientro nella norma, e se riprendo a correre in un minuto sono alla stessa posizione.
Non vedo irritazioni, solo prurito.
Posso praticare sport come e calcio e tennis e sci visto che lo sforzo non e' continuato.
Non ho prurito nella sauna o con larghe sudorazioni visto che c'e' chi ha suggerito allergia al mio proprio sudore.
Non so se la cosa e' correlata per cui la menziono. Soffro pure di pruriti inguinali, abbastanza fastidiosi ma non forti nei giorni che la temperatura estarna salga sui 27-28 gradi e ancora di piu' ovviamente se cammino.
Alcune volte c'e' irritazione altre volte no.
Inoltre prurito cuoio capelluto da sempre.
Ho fatto varie consultazioni ed esami e sono ormai 10 anni che non trovo soluzione. Adesso ne ho 46.
Nel 1999 il mio primo caso di dermatite, sembra dopo esposizione al sole in Sud Africa. Dopo un paio di settimane (!!!!!) ho avvertito prurito intenso in tutto il corpo per tre giorni. Allora vivevo in Inghilterra, per cui non ricordo ne' il trattamento ne' la patologia, visto che sembrava caso isolato.

Spero che in linea si sentano piu' casi come il mio.

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Marco Spagnoletti
24% attività
0% attualità
12% socialità
LACCO AMENO (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
il quadro che lei descrive potrebbe rientrare in un particolare quadro patologico conosciuto con il nome di Orticaria Colinergica.
In pratica ogni qual volta lei esercita un movimento muscolare protratto, la sostanza prodotta dalle terminazioni nervose, e che determina la contrazione muscolare (l'acetil-colina), a causa di meccanismi non completamente conosciuti ma che utilizzano reazioni chimiche a catena, determina la secrezione di un particolare composto (istamina) da parte di particolari cellule del derma (mastociti). Tale composto è capace, tra l'altro, di determinare vasodilatazione (arrossamento) e prurito (attraverso lo stimolo di particolari terminazioni nervose).
E' chiaro che il suo caso va inquadrato in base a quanto appena esposto e confermato da uno specialista dermatologo cui le consiglio di rivolgersi.
So bene che fino ad ora, a suo dire, i risultati non sono stati incoraggianti, ma la visita specialistica è una premessa imprescindibile ad ogni terapia.
A sua disposizione per ogni eventualità