Utente 172XXX
Salve, ho 18 anni e da quando ho avuto la varicella, circa 5 anni fa, ho riscontrato di avere due cisti al lato sinistro del collo, qualche centimetro sotto l'orecchio, e una "palla" di circa 2,5 cm dietro l'orecchio (credo che si chiami linfonodo). Comunque queste "palline" non mi hanno mai fatto male, tanto che le feci già vedere al mio medico curante ma dato che non avevo dolore risultarono "non gravi". Ieri sera passandomi la mano vicino al collo notai che si era creata un'altra cisti al lato del collo, vicino alle altre due; toccandola mi faceva tanto male e anche quella dietro l'orecchio sembra essere più gonfia e dolente. Sono preoccupata, mercoledì mi recherò immediatamente dal mio medico, ma ho paura e cercavo un conforto... ho fatto delle ricerche su internet ma non mi hanno risolto nulla, anzi mi hanno impaurito ancor di più dato che ho visto che può trattarsi di un tumore...ho paura..tanta paura, aspetto con ansia una risposta. Grazie anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
159309

Cancellato nel 2010
Gentile utente
quello che Lei descrive farebbe pensare ad un ingrosamento dei linfonodi. Tale condizione si osserva con una certa frequenza nella pratica clinica di tutti i giorni. Le strategie da adottare sono la diretta conseguenza di una visita pertanto, si rechi con fiducia dal suo medico il quale, con tutta probabilità, Le richederà gli accertamenti più appropriati (esami ematici, ecografia etc).
In considerazione della sua età, deve stare serena in quanto, la cosa più probabile è che si tratti di una condizione infiammatoria.
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Salve Dr. Brundusino,
mi sono recata dal mio medico curante che mi ha consigliato una visita chirurgica più approfondita soprattutto per quanto riguardava la "la pallina" dietro al padiglione auricolare sinistro, che secondo lui era un lipoma. La sera stessa il dolore si era esteso per tutto l'emisfero sinistro, ma non era mal di testa comune, era come se avessi sbattuto la testa da qualche parte, simile al dolore di quando si tocca un livido..bhè a me era continuo. Al pronto soccorso mi visitò un chirurgo che disse che si trattava di un follicolo della varicella che si era incistito dato che non aveva avuto modo di fuoriuscire, secondo lui era da operare in quanto mi dava molto fastidio e mi disse la prassi che dovevo fare per prenotare l'intervento, nella prassi c'era anche un'altra visita chirurgica che doveva essere effettuata proprio dal chirurgo che mi doveva operare. Alla fine mi prescrisse per il dolore una pomata, il GENTALYN. Devo dire che con la pomata mi son trovata molto bene, infatti appena me la mettevo il dolore si attenuava. Due giorni dopo sono andata alla visita chirurgica pre operatoria, premetto che mi visitò un tirocinante e il chirurgo che lo seguiva era comodamente seduto. Mi tastò giusto per 1 minuto e disse che si trattava di un linfonodo che si era ingrossato con la varicella e che per 5 anni era rimasto tale perchè il virus era ancora lì. Inoltre, secondo lui, il dolore proveniva da una semplice infiammazione e che dovevo continuare con la crema. Ora io non sono un medico, però non sono ignorante, io so che i linfonodi si gonfiano e si sgonfiano, cioè non credo che un linfonodo possa rimanere sempre di 3 cm per 5 anni! Le faccio di nuovo presente che il chirurgo che lo seguiva non controllò per vedere se la sua diagnosi era giusta, anzi mi fece uscire dall'ambulatorio con un modo un pò scocciato. Ecco, premetto che entrambi i medici hanno fatto le loro diagnosi servendosi esclusivamente del tatto, infatti nessuno mi ha detto di fare radiografie ecc. Ora il mio dubbio è questo: A CHI DEVO ASCOLTARE? SO SOLO CHE IL DOLORE è RIMASTO E PERSISTE.
Vorrei sapere Lei cosa ne pensa di tutto ciò.
La ringrazio anticipatamente.