Utente 126XXX
Salve, ho 23 anni e da poco + di 12mesi, curo una brutta prostatite.
Al'esordio tale prostatite era un incubo, inquanto era dolorosa, e inoltre controllavo poco la mimzione.

Poi ho trovato un andrologo bravo, che mi ha iniziato a curare come si deve, ma purtroppo a distanza di un anno con tutti quei farmaci presi, non sono guarito(ma era normale in media secondo delle statistiche si guarisce dopo 2/3anni di terapia), in ogni caso la cosa brutta è che non ho mai raggiunto una certa asintomaticità,o meglio, prendo per 15gg farmaci in quantità, ma l'effetto dura per una settimana poi tutto torna come prima.In modo particoloare ho fastidi al glande e all'uretra che ci passa per il glande, o senzo di fastidio all'uretra ma più interna el pene, con conseguente pollachiuria
Allora io mi chiedo perche?
Se gli esami colturali sono negativi perchè?
Perchè tali sintomi permangono pure se la prostata è di volume normale e non dolente alla esplorazione rettale?
Io ho fatto anche l'uroflussimetria che è risultata nella norma, seppur con un grafico a campana (ma un po appiattito)e un tempo di svuotamento di 15ml/S, in più sempre dall'ecografia è risultato una assenza di residuo post-minzione.
In più anche se la mia prostata e sempre di normali dimensione nelle ecografie io non ho più un gettito urinario come una volta, perchè?
Date le vostre esperienze Dottori, è possibile che la prostatite che mi porto dietro da tempo abbia danneggiato se pur di mezzo millimetro il collo vescicale e procuratone una stenosi non diagnosticabile tramite gli esami urodinamici?
E tutto questo mi porta ad avere dei fastidi all'uretra nelle sue varie parti!

Vi prego di rispondere! Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
purtroppo, come sa bene, le prostatiti tendono spesso a recidivare e ci vuole tempo e pazienza per guarire.
I disturbi che lei descrive sono tutti normalmente presenti nelle infezioni della prostata.
L'assenza di residuo post-minzionale ed una uriflussinetria normale rendono estremamente improbabile una stenosi del collo vescicale.
Il consiglio è quello di seguire con serenità i consigli del suo medico e vedrà che con un pò di pazienza supererà questa situazione. Altre informazioni sulle prostatiti può trovarle all'indirizzo www.ambulatoriodiandrologia.it
Cordiali saluti