Utente 172XXX
gentili dottori salve,
vi voglio scrivoro riguardo a un disturbo che mi assilla dal mese di maggio 2010. in ptatica ero a casa guardandomi dei video a luci rosse e di conseguenza mi sono masturbato per 3 volte nell'arco di poco tempo, e alla terza mentre sto per eiaculare sento un forte bruciore al perineo e al glande e avevo lo stimolo di urinare. la cosa mi passo nell'arco di 5 minuti sforzandomi di urinare con poche gocce e lavandomi l'ano con dell'acqua tiepida. premetto che la stessa cosa mi era capitato altre due volte nell'arco dell'anno ma solo che quelle volte avevo bevuto qualche alcolico e di intensita minore e il giorno dopo stavo bene. sta di fatto che da quel episodio ho un deficit erettile terribile. in quel periodo frequentavo una nuova partner e con questo problema ero davvero demoralizzato. mi sono proccurato del cialis e non ha avuto molto effetto, poi le erezioni si sono riprese ma molto debole ed eiaculazione precoccissima, in pratica quando eiaculavo non sentivo nemmeno che stavo per eiaculare, eiaculava direttamente senza che io potessi avere nessun controllo su di esso. ho pensato ad un'infiammazione e siccome avevo degli antinfiammatori a casa(OKI) ho iniziato a prenderli e sembrava che la cosa migliorava ma non del tutto. cmq vado dal mio medico e mi faccio prescrivere esami del sangue e urine, in effetti era da un bel po che mi sentivo sempre stanco e avevo una specie di pressione nella parte bassa dell'addome e ogni tanto quando camminavo mi faceva male nella zona dell'inguine e alla coscia dx. dagli esami risultava solo un alto numero di leucociti e il mio medico pensando a qualche cistite mi diede levofloxacina 1 al di per 5 giorni. dopo questa cura avevo riacqustato un po di controllo sull'eiaculazione ma ogni volta che avevo un rapporto mi facceva male nella zona perineale. e per tutto questo tempo sentivo come se avessi qualcosa di appiccicato al perineo e non lasciava che l'erezione avenisse.ritorno dal mio medico e li racconto che la cura non ha avuto effetto e che mi si era presentato questa nuova cosa e lui mi manda dall'urologo. spiego tutto all'urologo e lui infatti pensò subito ad una prostatite ma siccome la mia prostata non risultava dolente penso che fosse una uretrite e mi disse di fare 2 cicli di ciprofloxacina 6 giorni al mese per 2 mesi. ho finito la cura e l'unico risultato era che urinavo un po meglio, prima sentivo come se al glande ci fosse qualcosa che bloccava la fuoriuscita dell'urina, e riuscivo a muovere i muscoli del perineo e ano. adesso i mei sintomi sono: deficit erettile terribile, gocciolamento, sempre piu spesso lieve febbre, formicolio, pesantezza ano e perineo. adesso ho appena effettuato esami urinocoltura e spermicoltura piu emocromo e sto aspetando i risultati per poi andare da un andrologo. io non so piu cosa pensare, perche questo deficit erettile? non ho dolori particolari, piu che altro sensazioni di ingombro al pube e pesantezza al perineo. cosa puo essere?sono terrorrizato

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro utente dalla sua sintomatologia si potrebbe pensare ad una prostatite cmq le conviene sempre sottoporsi ad una visita urologica
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
la ringriazio della risposta,
volevo solo chiedervi ma è normale che con una prostatite si abbia questo deficit erettile e poi la sera il mio pene è proprio molle, caldo e piu rosso del solito. è possibile che per l'eccessiva masturbazione io abbia diciamo'rotto' qualcosa? poi nel caso fosse realmente una prostatite riavro di nuovo le mie normali prestatzioni sessuali dopo il trattamento?
cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
salve gentili dottori,

ho ritirato gli esami ed eranno tutti nella norma apprte che nel liquido seminale c'ere la gardnerella vaginalis, ma sia il mio medico di base sia l'andrologo da cui sono andato mi hanno detto che non è quello il motivo del mio problema. l'andrologo da cui sono stato mi ha ascoltato per bene e mi ha visitato, mi ha detto che probabilmente avevo qualche spasmo arterioso alla base del pene e mi diceva che con un'iniezione penso di pge1 mi mandava in erezione e il problema fosse risolvibile solo con quello o al massimo con 2 o 3 iniezioni, sempre con ecografia ecodoppler penieno penso si chiami. io in realta lo farei anche subito solo che il prezzo era abbastanza elevato siccome sono andato da un privatista, ma il punto non è solo quello, vorrei sapere è veramente reale cio che mi ha proposto. io pensavo che l'eco doppler penieno fosse solo un esame e non una cura per una vena ostruita. sinceramente non so cosa pensare. in realta sento un certo pizzichino al perineo pero non saprei. voi cosa ne pensate?
attendo vostre risposte
grazie dello splendido servizio che offrite
cordiali saluti