Utente 408XXX
Sono andata da un dermatologo per un problema a un'unghia che io riconosco come tinea unguium, non perchè lo sappia ma perchè i sintomi sono uguali.
Lo specialista ha dato per scontato che non si tratta di fungo e che secondo lui l'unghia cresce fragilissima a causa di micro-traumi delle scarpe (solo ora!!!) e mi ha prescritto una pomata: Idrovel Forte.
Qualcuno sa dirmi cosa centra una crema idratante con l'unghia debole del mio alluce?!
[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Mi perdoni, ma ritengo che sicuramente la valutazione del suo dermatologo è più attendibile della sua a meno che non sia un dermatologo anche lei.

Ciò anteposto, le posso dire in termini generali che una crema a base di urea (ce ne sono tante a diverse concentrazioni) viene somministrata su un'unghia, quando si vuole ammorbidire la cheratina della lamina stessa, finalizzando il tutto ad una migilor crescita ed adattabilità:
il controllo dermatologico e la terapia adatativa susseguente è fondamentale.
[#2] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
Mi perdoni, ma ritengo che sicuramente la valutazione del suo dermatologo è più attendibile della sua a meno che non sia un dermatologo anche lei.

Ciò anteposto, le posso dire in termini generali che una crema a base di urea (ce ne sono tante a diverse concentrazioni) viene somministrata su un'unghia, quando si vuole ammorbidire la cheratina della lamina stessa, finalizzando il tutto ad una migilor crescita ed adattabilità:
il controllo dermatologico e la terapia adatativa susseguente è fondamentale.
[#3] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
Certo che non sono una dermatologa. Mi bastava sapere la connessione della crema col disturbo all'unghia.
Cmq domani ho il controllo e vedo che mi dice.
Grazie e buon lavoro.
[#4] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
A distanza di tempo, se non di anni, tra Idrovel Forte e Trosyd e accurata attenzione ad asciugare bene il piede, sono ancora alle prese con quest'unghia che non vuole tornare sana.
Tra l'altro non mi è mai capitato di vederla di colore giallo, ma solo rosa. Ieri, però, mettendo i piedi dentro l'acqua gelida di montagna ho notato che ai lati si è evidenziato una striscia gialla sia a destra che a sinistra dell'unghia dell'alluluce in questione in questione. Mi chiedo quale sia la connessione tra l'acqua fredda e la comparsa del giallo dell'unghia quando è sempre stata di colore rosa, come se fosse normale e in via di guarigione. Inoltre a stare nell'acqua gelida è riaffiorata in modo evidentissimo la squamatura dell'unghia dove prima non c'era.
Non so più a che santi votarmi!!!
Grazie!
[#5] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
cosa le hanno detto i dermatologi? le hanno composto una diagnosi definitiva? Si parla di onicodistrofica, altra patologia ungueale o solo fungo (raro a mio avviso in quesit casi, senza altre associazioni distrofiche)

saluti
[#6] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
A dire la sincera verità il dermatologo mi ha detto di continuare con la terapia che stavo seguendo prima, ma vista la mia riluttanza ho deciso di cambiare e di passare ad altro. Il medico parla di ... longitudinali delle lamine ungueali con ipertrofia delle lamine a livello della zona laterale dell'unghia. Mi avrebbe ordinato Dermosile 50 ed eventualmente Onikrin; io ho deciso di prendere un liquido del Dr. Scholl e di fare degli impacchi con il cotton fioc con della semplice ACE casalinga.
[#7] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2010
ACE? cioè candeggina?

saluti
[#8] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2007
Sì, candeggina.
Saluti