Utente 182XXX
Gentili dottori, vorrei sapere: 1) l'aver rapporti sessuali prolungati prima dell'eiaculazione (da 1 a 3 ore) in cui il pene rimane in erezione o comunque non eiacula per molto tempo e' una pratica che alla lunga puo' causare impotenza-vuoi forse per eccessivo stress dei vasi sanguigni,ipossia o quant'altro (se si' si tratta di impotenza temporanea tale per cui, per esempio, dal giorno dopo l'impotenza scompare)? 2) la pratica di cui sopra puo' causare prostatite? 3) la prostatite puo' causare impotenza a livello fisiologico (vuoi per uno schiacciamento dei nervi pudendi propri dell'erezione) e/o comunque la pratica di rapporti sessuali prolungati prima di eiaculare puo' peggiorare la prostatite fino a dare problemi irreversibili di impotenza?
Faccio queste dimande perche' sull'argomento ho spesso avuto risposte contradditorie. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
1) no ma dopo un certo tempo il glande si anestetizza e "sente" meno
2 e 3 ) non causa prostatite ma se c'è prostatite la aggrava
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,la disfunzione erettile non e' provocata dalla prostatite e/o dalle modalita' con cui si esercita il coito ma,indubbiamente,un rapporto troppo prolungato ,o troppo breve,non permette una resa ottimale nel tempo.La prostatite puo' giocare un ruolo sia nel determinismo di una disfunzione erettile ma non certamente con un'azione diretta sul nervo pudendo...In sintesi,a 40 anni,la regolarita' della vita sessuale e' l'antidoto migliore per evitare,nel tempo,cali di di rendimento.Cordialita'.
[#3] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Izzo,
1)quando dice che un rapporto troppo prolungato "non permette una resa ottimale nel tempo",vuol dire che tale pratica puo' dare problemi di impotenza,alla lunga?
2)a proposito della prostatite, in quali modi la prostatite " puo' giocare un ruolo nel determinismo di una disfunzione erettile"?
grazie ancora
[#4] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
gentile dott. Biagiotti,
la desensibilizzazione del pene in seguito a un rapporto prolungato e' temporanea, nel senso che puo'avvenire solo contestualmente al rapporto sessuale in atto (e quindi per es.,dal giorno dopo, o una volta terminato il rapporto, il glande ritorna a essere sensibile) oppure la pratica di rapporti prolungati puo' causare desensibilizzazione del glande permanente e quindi alla lunga favorire l'impotenza?
grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
temporanea
saluti
[#6] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Biagiotti,
1)la prostatite causa impotenza a livello fisiologico?
2) Il coitus interruptus, che comunque alla fine prevede l'eiaculazione e'una pratica che alla lunga puo' causare impotenza, vuoi direttamente oppure indirettamente, come causa di infiammazione alla prostata (sempre che questa infiammazione possa provocare impotenza)?
Grazie per la competenza e la cortesia
[#7] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Biagiotti,
1)la prostatite causa impotenza a livello fisiologico?
2) Il coitus interruptus, che comunque alla fine prevede l'eiaculazione e'una pratica che alla lunga puo' causare impotenza, vuoi direttamente oppure indirettamente, come causa di infiammazione alla prostata (sempre che questa infiammazione possa provocare impotenza)?
Grazie per la competenza e la cortesia
[#8] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
1)
a volte concomita prostatite e deficit erettile ma non c'è modo di dimostrare un nesso di causalità in termini certi.
2)il coito interrotto causa insoddisfazione per il fatto che non ci si può lasciare andare del tutto. vale la 1.
cordialmente
[#9] dopo  
Utente 182XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Biagiotti:
1)i casi in cui la prostatite si accompagna a deficit erettile deriva da fattori psicologici, nel senso che quando la prostatite provoca dolore non si e' sufficientemente concentrati sul rapporto sessuale e non si ha voglia o si ha paura di farlo (e quindi se non ci si lascia condizionare dal dolore o dalla paura si e' perfettamente in grado di avere erezioni soddisfacenti),oppure provoca proprio ostruzione al meccanismo erettile a livello fisiologico?
2) non capisco cosa intende quando a proposito del coitus interruptus afferma "vale la 1".
Potrebbe gentilmente spiegarmi meglio?
Grazie infinite.