Utente 183XXX
Salve, sono la mamma di una ragazza di 16 anni,che da aprile 2010, inspiegabilmente, ha avuto degli episodi di svenimento improvviso.Si trovava a scuola,quando è stata trasportata in ambulanza(118)presso ospedale policlinico di Palermo, dove l'unico valore anormale era la glicemia( 60 dopo aver fatto colazione e spuntino delle 11).Alla dimissione del pronto soccorso, la dott.ssa ci ha consigliato di effettuare la glicemia frazionata e altri valori. Vi scrivo per sapere delle informazioni in merito ai valori riscontrati nelle ultime analisi:glicemia ore 8=72, glicemia ore 11=61, glicemia ore 17=70,emocromo nella norma tranne MCH=26,7(27/31)MCHC=29,8(33/37)MPV=13,2(7,2/11,1)TSH;FT3;FT4;AcAnt tireoglubulina ATg;AcAntitireoperossidasi ATPO tutto nella norma;Insulina ore 8=6,Insulina ore 11= 9,2, Insulina ore 17=26,6.
La scorsa estate abbiamo subito un lutto molto pesante e la ragazza è rimasta piuttosto scossa.Malgrado sia una ragazza iperattiva,estroversa e piena di vitalità,queste cadute improvvise le stanno causando qualche disagio...mi auguro che non sia diabete di II tipo come mi ha accennato la dott.ssa di famiglia. Deve continuare le indagini, spero in una risposta

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gent.le Utente
una crisi ipoglicemica e' notoriamente preceduta da una corte di sintomi ben precisi dei quali nella sua descrizione non fa cenno; è in relatà particolarmente utile e necessario se tali sintomi si siano manifestati o no dal momento che la diagnosi di ipoglicemia viene avvalorata dalla loro presenza: i sintomi più comuni che precedono una ipoglicemia sono di solito tremiti, ansia,sudorazione,nervosismo,tachicardia, paura,visione sdoppiata o sfuocta e tanti altri ancora: può darsi che la ragazza non li abbia indicati in anamnesi (al Pronto Soccorso intendo) perchè non ritenuti utili oppure perchè non richiesti dal medico stesso (!). I valori gicemici ed insulinemici non mi sembrano così indicativi e certamente non lo sono per un sospetto diabete , da quello che dice, sostenuto dal medico; semmai sono lievemente inferiori alla norma sopratutto a qualche ora dalla colazione ma probabilmente la risposta insulinemica al cibo è particolarmente rapida ed efficace ma non parlerei in tal caso assolutamente di insulinoma. Il mio convincimento è che posaa trattarsi di crisi vagale di cui sopratutto le giovani ragazze soffrono per motivi i più disparati non escluso ovviamente quello emotivo e psichico; altra eventuale possibilità, una valutazione elettroencefalografica e consulenza neurologica per escludere possibili problemi di instabilità corticale (fenomeni epilettici). E' mio augurio non averla ulteriormente preoccupata ma il mio pensiero e' che il diabete non c'entri nulla e le cause vadano cercate altrove magari proprio in quello stato d'ansia che citava.
Un augurio sincero a lei e la ragazza
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore, intanto la ringrazio per aver risposto al mio consulto.
In realtà, i sintomi da lei descritti,a parte la visione doppia o sfuocata, ci sono tutti. Quando è arrivata l'ambulanza a scuola, era tachicardica,tremava come una foglia, sudava freddo e aveva le mani congelate.
Da quando è accaduto il primo episodio, sono passati sette mesi dopodichè si è verificato altre 5 volte, più o meno allo stesso orario, cioè dopo le 11(ricreazione).
E' una ragazza molto preparata a scuola, infatti i professori escludono che dipenda da un problema scolastico,tanto che è una delle poche in classe con un metodo di studio osannato dgli stessi professori.In questi giorni, abbiamo consultato un diabetologo (Dott. Allegra, Ospedale Guadagna, Palermo),che ha escluso il dibete di II tipo(sospetto della dott.ssa) e ci ha consigliato una visita endocrinologica, che effettuerà domani 10/12/2010. Dimenticavo di dirle che in questo ultimo periodo, mia figlia mangia smisuratamente, come se non sentisse il senso di sazietà...ha 16 anni, è alta 1,65 e pesa 64 Kg.

Penso che le delucidazioni che ho aggiunto, possano aiutarla ad avere un quadro più completo della situazione, nell'attesa di una sua risposta, colgo l'occasione per porgerle i miei saluti.
[#3] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
gent.le sig.ra
non per sottrarmi ad una valutazione diagnostica ma il caso necessita di approfondimento a 360 gradi; mi sembra utile il consulto endocrinologico (tiroide?) così come una valutazione ecografica o TAC del Pancreas per eventuale insulinoma; non vorrei sbilanciarmi maggiormente anche per evitare di aggiungere ansia a lei e famiglia che credo ne abbiate (comprensibile) già tanta.
Una valutazione completa, ripeto sarà utile per una diagnosi repentina e serena
un saluto
[#4] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore,
stamane mia figlia ha effettuato una visita presso l'ospedale Casa del sole di Palermo, con la dott.ssa specializzata in endocrinologia. Ha visitato mia figlia, ed escludendo il diabete di II tipo, mi ha accennato che potrebbe trattarsi di ipoglicemia reattiva o un infiammazione delle ghiandole surrenali, ma solo dopo aver visionato le analisi che le ha prescritto. Ovvero: curva da carico di glucosio per glicemia e insulinemia, AGA, EMA Transglutaminasi, ACTH, cortisolo al mattino e la routine(transaminasi, emocromo, azotemia ecc).Mia figlia si è un pò allarmata, anche se la dott.ssa è stata molto professionale e ha risposto in modo esauriente alle nostre domande.Non le ha modificato le abitudini alimentari(almeno per ora),le ha solo consigliato di ridurre i grassi.Non mi ha parlato di ecografia o TAC, ma io sto seguendo il Suo consiglio, per anticipare i tempi e per escludere l'insulinoma( di cui mi ero già documentata prima).La ringrazio per la sua cortesia e per l'interessamento dimostrato. Cordialmente la saluto.

[#5] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
volevo informarla di una novità in merito alla situazione di mia figlia.
Da anni, anch'io, soffro di svenimenti improvvisi, dei quali la natura è stata sempre addebitata all'anemia sideropenica che mi porto dall'adolescenza.
Tempo fa, un endocrinologo si è stranizzato dei miei svenimenti dovuti all'emoglobina , sideremia e ferritinabassi e mi ha consigliato di fare delle analisi riguardanti la glicemia e l'insulinemia.
Io li ho fatti, ma nel frattempo il mio papà si è ammalato di tumore polmonare con metastasi cerebrali e tutta la concentrazione l'ho riversata su di lui, tralasciando di far vedere le analisi allo stesso medico che me le aveva prescritte. Questa estate mio padre, dopo il martirio, è deceduto e sono iniziati i problemi con mia figlia.
L'endocrinologa che ha visitato mia figlia, mi ha consigliato di eseguire le stesse analisi, mamma e figlia, poichè i miei valori sono più bassi di quelli della ragazza.
Se per lei non è un disturbo, non appena avrò i risultati, le scriverò per informarla degli esiti.
La ringrazio anticipatamente e le auguro buone feste.
[#6] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gent.le Utente
sono qui a sua disposizione per eventuali novità spero positive.
Ringrazio per gli auguri che ricambio a lei e famiglia
un saluto
[#7] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore, spero che il 2011 porti una ventata di serenità in tutte le famiglie, compresa la sua.
Prima che finisse l'anno, io e mia figlia abbiamo fatto quella serie di esami di cui le parlavo nel penultimo consulto.
Oggi ho ritirato i referti:
Dopo carico glucosio Mamma/Figlia
Glicemia base 90/ 87
dopo 30'= 89/ 122
dopo 60'= 67/ 81
dopo 90'= 62/ 91
dopo 120'= 70/ 72
dopo 150'= 70/ 80

Insulina base 9/ 11.1
dopo 30'= 82.1/ 99.7
dopo 60'= 63.2/ 43.3
dopo 90'= 59/ 53.6
dopo 120'= 38.4/ 29.8
dopo 150'= 21.1/ 40.1
Nel prossimo scriverò il resto...grazie anticipatamente.
[#8] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Carissimo Dottore,
la routine è nella norma, azotemia,sodio, potassio,, cloro, calcio, creatininemia, proteine totali, colesterolemia, GOT, GPT,emocromo, elettroforesi sierica,cortisolo mattino e sera, AGA, EMA, ACTH. Solo i trigliceridi non sono nella norma: mamma 42 (v.n.60-170) e figlia 27. La sideremia è 27 mamma (v.n. 30-160)e 84 figlia, solo che la ferritina nella mamma è giustificata 7(v.n. 15-150) ma nella figlia 8 (?)...
Ignorante in materia, ho l'impressione che i valori siano piuttosto buoni e che non ci sia niente di eclatante, anche se tutte due abbiamo quei sintomi con i quali convivere ci risulta un po' scomodo. Io sono stata indagata presso l'Istiuto C.Besta(MI), ho eseguito un ecotransesofageo, uno studio elettrofisiologico endocavitario, ho inserito un holter sottocutaneo presso l'emodinamica della clinica Villa Maria Eleonora(PA), insomma di tutto, ma non hanno mai capito il vero motivo dei miei svenimenti.Il fatto che mia figlia, debba subire i miei stessi problemi, mi fa stare male, perchè è fastidioso cadere(malgrado i miei 36 anni e un carattere iperattivo,sono piena di dolori, postumi delle varie cadute, ho due vertebre schiacciate e due costole fratturate).Spero di non averla annoiata con le mie chiacchiere, nell'attesa di una sua risposta e di un consiglio, la saluto cordialmente.
[#9] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
gent.le Sig.ra
La presenza di una ferritina bassa , a fronte di una sideremia lievemente bassa per lei ma non per sua figlia, non può giustificare l'insorgenza degli svenimenti:per di più se mi dice che l'emocromo e pertanto l'emoglobina, sono normali.In merito agli svenimenti, qualora le indagini eseguite siano praticamente nella norma, non è facile dare risposta. La curva glicemica di entrambe comunque fa intravedere una facile e significativa risposta al carico orale di zucchero sopratutto tra la terza e la quarta ora dove si registrano i valori più bassi e verosimilmente potrebbero rappresentare la causa degli svenimenti. In attesa della TAC, indagherei comunque anche la possibilità, se non e' stato ancora fatto, di valutare l'attività della corteccia cerebrale con EEG (Elettroencefalogramma) per possibili (da non escludere anche quelle) manifestazioni di piccolo male (epilessia minor).
Qualora tutto risultasse nella norma, non rimane che indicare in crisi vagali di natura incerta le cause degli svenimenti indicati, per le quali non c'è margine di intervento a quanto mi risulta.
Un saluto caro ed auguri anche a lei e famiglia
[#10] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Carissimo Dottore,
la ringrazio per la velocità nel rispondere ai miei problemi.
Prenderò in considerazione il consiglio dell'EEG(che io ho già fatto e che non mostra nulla di rilevante, anche con privazione di sonno)per mia figlia.
Venerdì 14 abbiamo appuntamento con l'endocrinologa che ha predisposto questi controlli, dopodichè si vedrà il da farsi.
Una piccola curiosità, i trigliceridi un po bassi, comportano qualche problema?
La ringrazio per la sua profesionalità , magari qui a Palermo esistessero medici così disponibili!
Grazie ,arrivederci.
[#11] dopo  
Dr. Alberto Calvieri
40% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Gent.le Sig.ra
grazie per le parole di stima che mi lusingano; nessun problema per i trigliceridi: e' sufficiente aumentare la quota lipidica per incrementare il tasso, ma comunque nessun problema anche a tali valori
Un saluto
[#12] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
volevo informarla che siamo stati oggi dalla dott.ssa che sta seguendo mia figlia. Ci ha detto che le analisi sono piuttosto buone, solo che mia figlia ha la glicemia giusta e l'insulina alta, mentre io ho la glicemia bassa e l'insulina nella norma.
Non ci ha detto di approfondire le cause, ma di iniziare un regime alimentare controllato per un mese, dopodichè dovremmo ripetere le analisi.
La dieta consiste nell'evitare i cibi confezionati, quelli dolci ,i grassi e gli insaccati. Quindi fette biscottate con marmellata, yogurt, frutta e verdura a volontà, carne, pesce, 70 g. di pane al giorno e spremute d'arancia. Controllare la glicemia prima e dopo i pasti per un mese. Noi seguiremo queste indicazioni, spero solo che si arrivi a capire di cosa si tratta e che non rimanga una cosiddetta crisi di ndd. Spiegarlo a parole è difficile, ma la sensazione di poter cadere da un momento all'altro non è un fastidio da poco, solo che poi con tutto quello che si sente dire, pensi sempre che c'è di peggio e vai avanti.
Buon fine settimana,a risentirci o meglio dire a riscriverci!