Utente 436XXX
buongiorno,da diversi anni(5 ormai)soffro di diversi sintomi il principale sono dolori alle gambe caviglie ginocchia(non all articolazione almeno il dolore non aumenta muovendo l articolazione)gambe a pezzi stanchissime come se fossero mesi che cammino senza fermarmi mai.di notte dormo male con continui risvegli dovuti anche a riacutizzarsi di questi fastidi alle gambe(anche se alla sera il letto mi sembra un premio e non vedo lora di sdraiarmi)altri sintomi inportanti sono senso di confusione poca concentrazione a volte con difficolta a fare cose banali.vertigini o piu che altro ondeggiamenti e sensazione di poco equilibrio(quando sto fermo in piedi devo dopo pochi secondi cercare un punto di appoggio per non sentire questa forte sensazione di ondeggiamenti.ho fatto varie visite neurologiche tutte con esito negativo vari esami del sangue esami per controllare che non abbia problemi di circolazione alle gambe tutto con esito negativo.sono sempre stato curato con antidepressivi con i quali ho alcuni benefici ma molto lievi tali da farmi sempre sospendere i trattamenti dopo alcuni mesi,ora non so piu a chi rivolgermi spero che voi possiate aiutarmi o almeno darmi qualche indicazione sul tipo di specialista a cui devo rivolgermi
[#1] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
i suoi sintomi sono ascrivibili ad un quadro da approfondire, ma verosimilmente correlato con disturbi della sfera ansioso-depressiva. Il consiglio è di affidarsi ad uno Psichiatra di fiducia per una terapia adeguata.
Cordialmente
[#2] dopo  
56448

Cancellato nel 2008
Leggo solo ora dei suoi sintomi, che durano a questo punto, se ancora oggi presenti, da ben più di cinque anni.

Forse sarà ancora presente un piccolo e giustificabile stato ansioso, considerate la sua situazione generale. Se non dovesse risolversi con del Sedatol, le consiglio, quanto all'ansia, di rivolgersi giustamente ad un operatore della mente.

Relativamente agli altri sintomi, mi faccia sapere, onde possa meglio indirizzarla: 1) se i suoi sintomi stessi peggiorano con l'assunzione di latte e latticini e insaccati, o dopo il consueto, forse, beverone mattutino con latte-zucchero-biscotti; 2) se prende la pillola e da quanto tempo; 3) se ha per caso praticato un'ecocolordoppler dei vasi inferiori od anche una accurata visita angiologica; 4) soprattutto, se ha fatto un tampone vaginale per la ricerca della candida, ed una urinocoltura.