Utente 440XXX
Sono un ragazzo di 28 anni e ho portato un apparecchio fisso per molto tempo su entrambe le arcate dentarie. As eguito di cio ho notato una evidente retrazione della gengiva del canino in emiarcata sin. e le sue radici sono palpabili perchè proiettate verso l'esterno. cosa posso fare? dovrò fare l'impianto in futuro?
porto un byte per il bruxismo da 3 anni.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente, il canino è mascellare o mandibolare? Di quanti mm si è retratta la gengiva? Bisogna considerare anche la gengiva adiacente, la presenza o meno di difetti ossei verticali od orizzontali per poter valutare l'esecuzione di una chirurgia muco-gengivale al fine di risolvere il problema estetico ed anche funzionale? (il dente presenta sensibilità termica?)
A risentirci.
[#2] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2007
il canino è mascellare,3-4 mm è la retrazione, non ci sono difetti ossei ne verticali ne orizzontali l'ortopanoramica non ne evidenzia. il dente non presenta sensibilità termica.
Mi è stato proposto un impianto, piu' in la nel tempo, ma come unica risoluzione.
grazie per la risposta
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Mi sembra assolutamente inappropiato ciò che le è stato prospettato. Se le condizioni parodontali dei denti adiacenti sono ottimali si può risolvere il problema con una semplice tecnica chirurcica muco-gengivale.
Sempre a vs. disposizione...
[#4] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2007
grazie delle preziose informazioni.
Edo.
[#5] dopo  
Dr. Elio Chello
24% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Dalla Sua descrizione, assenza di sintomatologia termica ,retrazione di 3/4 mm, Esame Opt negativo, e probabilmente assenza di mobilità,escluderei l'eventuale posizionamento futuro di un impianto mentre focalizzerei l'attenzione su un'eventuale terapia muco-gengivale.

Cordiali Saluti

Dott. Elio Chello