Utente 105XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 21 anni.
Nel periodo estivo soggiorno spesso in montagna e ho la fortuna/sfortuna di trovarmi a diretto contatto con api e vespe.
Non sono mai stata punta in passato e ho paura di essere allergica.
Cosa mi consiglia di fare? In oltre, si può essere allergici ad un alimento ecc... che in passato non aveva dato problemi?
Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Se non è mai stata punta non può essere allergica. Gli aculeati non attaccano se non si sentono in pericolo: stia tranquilla e in ogni caso eviti comportamenti che gli insetti potrebbero interpretare come minacce (ad esempio non scomponendosi se dovessero ronzarLe intorno, o perfino posarsi per un attimo su di Lei).
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera Dottore,
la ringrazio per avermi risposto in maniera così rapida.
Non mi è molto chiaro un punto: se in futuro dovessi essere punta non potrei avere immediatamente una reazione grave?
Mi spiego meglio:
se un individuo viene punto e manifesta una reazione allergica di bassa intensità sono portata a pensare che a seguito di una nuova puntura manifesti una reazione non grave. Lo stesso vale ad esempio per lo shock anafilattico. Se si viene punti la prima volta e ci si ritrova in una situazione così pericolosa, la volta seguente non si ripresenterebbe il problema con la stessa intensità?

La ringrazio nuovamente per la disponibilità.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Non è possibile presentare reazioni gravi dopo la prima puntura, perché non è stata organizzata una risposta immunitaria (in senso "allergico") al veleno.
L'eventuale sensibilizzazione avviene con ripetute esposizioni e non si può prevedere se, quando e come si manifesterà. Generalmente, una volta clinicamente evidente, le reazioni successive tendono ad essere simili alla prima, ma possono anche essere più gravi.
Ad ogni modo, l'individuo allergico deve essere educato alla prevenzione e - se necessario - al trattamento (avendo a disposizione la terapia per l'emergenza).
Saluti,