Utente 838XXX
Gentili Dottori,
ho una forte allergia sin dall'infanzia alle graminacee, ai peli di gatto e cane, al polline, alla polvere di casa, alla betulla, ecc. Ho fatto per circa 5 anni il vaccino e poi l'ho interrotto. Vista però la gravità della mia situazione sto per ricominciarlo. In più questa forte allergia mi ha provocato un'ipertrofia dei turbinati che, pensate, il mio medico non è riuscito a curare nemmeno dopo l'intervento chirurgico per quanto essi erano grossi; a ciò si aggiungono anche i polipi e il setto nasale deviato. Fantastico, vero? Cominque la mia domanda è: essendo io vittima di una così grande allergia aerea potrei un giorno avere anche quella alimentare? (Soffro già di allergia crociate con vari alimenti quali fico, pesche, ecc). Vi ringrazio molto per l'attenzione.
Distinti saluti.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Marchi
44% attività +44
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile signorina,
in verità non capisco la Sua domanda, dal momento che Lei stessa asserisce di aver già sviluppato anche allergie alimentari.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 838XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Marchi,
ha ragione, non mi sono spiegata bene. Diciamo che quelle allergie che ho riscontrato negli alimenti non sono vere e proprie allergie, come di sicuro Lei ben saprà, ma soltanto un rifiuto del mio organismo verso quelle sostanze che hanno in comune elementi presenti nelle mie allergie (ad es. mela-betulla; fico-graminacee; pomodoro-graminacee, ecc.). Le volevo chiedere se potrei avere un giorno delle allergie alimentari a un qualcosa di specifico come per es. latte o farina o chissà cosa. Insomma chiedevo se una persona già allergica ha un'alta possibilità di avere allergie anche nel campo degli alimenti. La ringrazio e tanti auguri!
[#3] dopo  
Dr. Francesco Marchi
44% attività +44
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Putroppo non mi dà molti elementi: non posso sapere cosa intende quando dice che quelle che ha "riscontrato negli alimenti non sono vere e proprie allergie" e pertanto cosa possa significare per Lei il "rifiuto dell'organismo verso quelle sostanze [...]".
Dovrebbe almeno riferire quali sono i disturbi che presenta quando ingerisce mele, pomodori, fichi, ecc. per farci capire qualcosa del Suo caso specifico.
In generale, posso dirLe che una piccola parte dei soggetti allergici ad inalanti (es. betulla) possono presentare test positivi anche per alimenti (es. mela) e in alcuni casi sviluppare proprio manifestazioni allergiche all'assunzione di tali alimenti. Evidentemente è più probabile che ciò avvenga per associazioni inalanti-alimenti note (es. betulla-mela) piuttosto che per associazioni differenti (es. latte) per la "somiglianza" che possono avere alcune componenti molecolari piuttosto che altre, ma non si può escludere che un soggetto che presenti una particolare predisposizione all'allergia alimentare possa sviluppare anche sensibilizzazioni "atipiche".
Spero di aver chiarito (?) in qualche modo la questione con una minima (?) distorsione del messaggio "scientifico".
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 838XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto.
[#5] dopo  
Dr. Francesco Marchi
44% attività +44
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Prego. Saluti,
[#6] dopo  
Utente 838XXX

Iscritto dal 2008
Gendile Dr. Marchi,
le potrei chiedere un'ultima cosa? Nonostante sto seguendo uan cura di antistaminici da 20 gg, ho diverse bollicine sulle mani, sui polsi, sulle gambe. Ho anche una dermatite che secondo il mio medico di base potrebbe essere appunto per l'allergia. Secondo lei dietro questi sintomi ci potrebbe essere un'allergia al nichel? (Già mia cugina ne soffre).
[#7] dopo  
Dr. Francesco Marchi
44% attività +44
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Bisognerebbe vedere le lesioni per fare ipotesi e di conseguenza attivare, se necessario, un percorso diagnostico.
Saluti,