Utente 129XXX
Gentili dottori, ho 44 anni e da qualche tempo non riesco ad avere un "rapporto" duraturo a causa dell'eiaculazione precoce, inoltre non riesco a raggiungere l'erezione massima che avevo tempo fa e questo mi provoca dopo l'eiaculazione (quando il pene ritorna nelle dimensioni normali) un forte bruciore all'interno del pene che dura anche più di mezz'ora. Non so se possa centrare il fatto che sono un pò sovrappeso, ho il colesterolo a 260 e steatosi leggera al fegato. Prendo anche una pastiglia per la pressione (Perindopril EG 8 mg) perchè monitorando la pressione a volte mi andava a 95-150. Mi hanno detto di tenere sotto controllo la prostata perchè mio papà ha un tumore alla prostata e dicono che può essere ereditato a livello genetico, ma il mio medico dice che sono troppo giovane e non mi ha fatto fare neanche le analisi del PSA. Può qualche alterazione alla prostata generare questa disfunzione erettile e eiaculazione precoce? La pastiglia per la pressione può influire? c'è qualche rimedio (possibilmente naturale)?

Ringrazio anticipatamente per il vostro interessamento

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
vi sono svariati fattori degni di attenzione nella sua mail:
1. lei ha svariati fattori di rischio per la funzione erettile: obesità di I° grado, iperlipemia, ipertensione in trattamento;
2. il dolore al pene dopo eiaculazione suggerisce di considerare la possibilità di una problematica prostatica - calcolosi? (NON di tipo tumorale, comunque);
3. penso che sarebbe comunque utile iniziare un programma di check-up prostatico annuale con anche valutazione del PSA alla luce della patologia prostatica di suo padre.
Relativamente all'eiaculazione precoce: nel suo caso potrebbe essere secondaria o a un' iniziale difficoltà di erezione, o a una infiammazione prostatica. Relativamente alle erezioni di diminuita rigidità possono essere dovute ai fattori rischio suddetti, e anche a una infiammazione prostatica, se presente.
Sono queste tutte congetture via Web, per cui le consiglio una valutazione andrologica diretta.