Utente 178XXX
Gentili dottori,
sono una ragazza di 25 anni e non ho mai sofferto di acne, neanche durante l'adolescenza, ma dalla scorsa estate sono iniziati a comparire dei brufoli molto dolorosi sulle guance, prima uno ogni tanto poi sempre di più, che non sparivano facilmente e quando lo facevano lasciavano un piccolo "buchino"... quando la situazione è peggiorata sono andata dal dermatologo che mi ha fatto eseguire un dosaggio ormonale dove tutto era perfetto tranne alcuni ormoni:

17 OH PROGESTERONE 2,5 ng/ml (fase follicolare: 0,1 - 1,0
fase luteinica: 0,50 - 5,0)

TESTOSTERONE 2,62 ng/ml (donne 0,2 - 1,2)

DHEA-S (DEIDROEP.SOLFATO) 118,0 (Donna 40 - 430)

Dopo il risultato il medico mi ha mandato prima dal ginecologo per un'ecografia pelvica che non ha riscontrato, come credeva, nessun ovaio policistico, e poi dall'endocrinologo il quale mi ha fatto fare un'ecografia alle ghiandole surrenali, anche questa uscita benissimo ("non debordanti dal profilo esterno del polo superiore dell'emuntorio spettante, esenti da immagini focali.").
Ritornata dal dermatologo con tutte le analisi in mano questi mi ha prescritto un antiandrogeno (pillola anticoncezionale Belara) per sei mesi dicendomi che tutto si sraebbe risolto.

Quello che volevo chiedere è cosa ha potuto provocare questo aumento ormonale visto che le ecografie sono buone?
Questa pillola darà risultati permanenti? Si abbasserà definitivamente il testosterone o dopo i sei mesi di cura sarò allo stesso punto di partenza?
Infine, cosa dovrò fare per togliere poi tutte le cicatrici che mi sta lasciando l'acne?

Grazie per l'attenzione,
distinti saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
I livelli sierici di testosterone e dei suoi derivati o anche degli ormoni surrenali possono essere lievemente o macroscopicamente alterati anche in assenza di cisti o lesioni benigne secernenti e questo per un problema di iperproduzione gonadica o surrenalica o per aumento dello stimolo ipofisario/ipotalamico alla loro secrezione.

La cosa che interessa nel suo caso, è che l'acne probabilmente viene mantenuta anche da questi livelli:

sicuramente il suo dermatologo saprà ben impostare la terapia alla luce dei nuovi farmaci e delle impostazioni terapeutiche che ad oggi si prediligono in questi casi, solitamente con successo

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio, anche se in ritardo, per la sua risposta, il mio dermatologo dice che tra sei mesi risolverò tutto definitivamente... mah... speriamo che sia così!
Cordiali saluti