Utente 188XXX
salve il 19 ottobre del 2010 ho subito un infortunio sul lavoro :il guanto di protezione è stato risucchiato da un macchinario provocandomi lo sguantamento della mano sinistra indice,medio anulare e mignolo. ho subito 9 ore di intervento salvando grazie allo staff medico le dita, il 20 dicembre ho fatto il 2° intervento per la ricostruzione esterna della mano (hanno preso dei lembi a tutto spessore dal braccio)anche questa operazione ha avuto esito positivo e vedendo la mia mano ora sembra "quasi" una mano .nonostante sia ancora bendatasto sto facendo le medicazioni :balneazioni, creme eruxol e trofodermina ho iniziato la fisioterapia riesco con difficaltà a piegare le dita e non chiudo il pugno l indice (dimenticavo di dirvi che questo dito era il piu' mal messo frattura e ricostruzione del tendine)è "duro"e sento tanta pressione interna e l unghia e come volesse esplodere proprio per questa pressione che sento dentro le dita. mi hanno rassicurato dicendomi che per ora è normale perchè le dita non stanno muovendosi e questo non facilita la circolazione delle stesse , la pasienza non mi manca ma volevo chidervi : il recupero della mano sarà lungo ? riusciro' a riutilizzare la mano come prima?quando potro' tornare a lavorare? potrò risuonare il mio pianoforte o il mio sax vecchie passioni di gioventu'?il recupero è cosi lungo come mi hanno prospettato? è vero che per il tipo di patologia subita devo essere contento di vedermi la mano e non preoccuparmi piu' di tanto per quanto riuscirò a recuperare? la ringrazio per la disponibilita'aspetoo un vostro riscontro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certo, il recupero sarà lento (svariati mesi) e probabilmente incompleto: è praticamente impossibile, con lesioni cisì gravi, recuperare il 100% della funzionalità originaria.

Concordo in pieno con i Colleghi che hanne effettuato l'intervento: si concentri sul programma riabilitativo e non pensi a quello che "era" ma a quello che riuscirà a raggiungere.

Difficilmente riuscirà a suonare i suoi strumenti, perlomeno con lo stesso livello di efficienza di prima.

Cordiali saluti.