Utente 154XXX
Egregio Dottore, a mio marito è stata diagnosticata da ben due medici (chirurghi oncologi entrambi) una ginecomastia, provocata da una terapia prolungata con LUCEN 40, assunto per circa 5 mesi per reflusso gastroesofageo. Uno di loro è assolutamente certo dell'importanza dell'intervento chirurgico per asportare entrambe le ghiandole, poichè questa infiammazione aumenta il rischio di tumore della mammella. L'altro ha espresso qualche perplessità e ritiene opportuno analizzare il liquido che fuoriesce ogni tanto dal capezzolo, prima di procedere. Qual è la vostra opinione in merito, secondo la vostra esperienza? Grazie della vostra attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,a naso,penserei alla ipotesi "attendistica" che,tralaltro,non preclude l'eventualita' di un intervento chirurgico successivo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio - Internet è una grande fonte di informazioni, ma per noi utenti finali, ignoranti in materia, è anche fonte di grande preoccupazione. La secrezione è uno dei sintomi del carcinoma mammario anche maschile e può essere addirittura un sintomo di tumore al polmone: ecco perchè sono molto allarmata, anche se entrambi i medici interpellati - uno dei quali ha già sottoposto mio marito a ecografia - non si sono dimostrati preoccupati, ma molto certi della diagnosi e della causa. Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
... segua i consigli reali e non virtuali...Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
Egregio Dr. Izzo, qualche mese fa l'avevo contattata per una diagnosi di ginecomastia a mio marito, pare dovuta all'assunzione di LUCEN 40. Mio marito ha deciso poi di sottoporsi in data 3/5/2011 ad intervento che ha comportato una mastectomia sottocutanea sia destra che sinistra. Il risultato dell'esame istologico è il seguente:
1. GHIANDOLA MAMMARIA MASCHILE CON PAPILLOMATOSI, IPERPLASIA INTRADUTTALE BENIGNA E FOCOLAI DI CARCINOMA INTRADUTTALE PAPILLARE E MICROPAPILLARE NEL CONTESTO DI GINECOMASTIA
2. GHIANDOLA MAMMARIA MASCHILE CON GINECOMASTIA E FOCOLAI DI METAPLASIA APOCRINA
UICC pT is /G 1 - pNx - pMx (mammella destra)
Il chirurgo oncologo che l'ha operato ha detto che l'averlo scoperto è stata una gran fortuna, che non dobbiamo preoccuparci, ma vorrei anche un suo parere.

[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...credo che la strada sia quella giusta e la prognosi favorevole.Cordialita'.