Utente 193XXX
Buongiorno Gentili Dottori,

vorrei chiedere alcuni chiarimenti relativi allo Xatral e al Cialis, associati fra di loro nella terapia della disfunzione erettiva su base psicogena.
I miei interrogativi riguardano il tempo necessario per l'instaurarsi della massima efficacia dei due farmaci e la durata di tale massima efficacia. Su questi tempi ho avuto finora dati non del tutto concordanti. Ecco le mie domande:

1) Xatral Retard da 10 mg assunto alla posologia di una compressa al giorno.
Dopo quanti giorni si raggiunge la massima efficacia?
Tale massima efficacia perdura poi invariata nel tempo?

2) Cialis da 20 mg.
Dopo quante ore dall'assunzione del farmaco si raggiunge la massima efficacia?
Tale massima efficacia, una volta raggiunta, per quante ore perdura poi?


Grazie dell'attenzione e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,pur non essendoci uno standard di risposta,possiamo valutare un tempo di massima efficacia per entrambe le molecole,dopo circa 2 ore. Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta Dr. Izzo.

Per quanto riguarda lo Xatral mi è stato in realtà detto che la massima efficacia viene raggiunta dopo 2 o 3 settimane di assunzione.
Per quanto riguarda il Cialis non mi è ancora del tutto chiaro quante ore dura la massima efficacia una volta che sia stata raggiunta.
Aggiungo che non so' quale sia la definizione tecnica della massima efficacia, io ad occhio e croce intenderei una efficacia compresa fra il 95% e il 100% di quella di "picco".
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...credo che sia poco produttivo tentare di razionalizzare una funzione spontanea qual'e' quella erettile.Piu' conveniente,invece,e' "tirare le somme" dopo un paio di mesi di assunzione di entrambi i farmaci citati.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Caro Dr. Izzo,
sono d'accordo con lei sul fatto che pensare di continuo ai tempi dei farmaci o a problematiche simili sarebbe controproducente.
Tuttavia l'informazione che chiedo mi servirebbe semplicemente per stabilire "una tantum" alcune modalità dei rapporti sessuali al fine di un utilizzo ottimale dei farmaci,dopodichè non ci sarebbe più la necessità di pensarci.
Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...se si riferisce alla contemporaneita' dell'assunzione,Le consiglio di assumere il tadalafil non in contemporanea con l'alfa litico,onde evitare possibili cali di
pressione.Cordialita'.
[#6] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dr.Izzo per l'avvertenza a riguardo dei rischi della contemporaneità di assunzione.

Avrei ancora una domanda da porre.
Per il tipo di professione che svolgo a me capita frequentemente di essere chiamato ad intervenire agli orari piu' diversi. Ora può succedere che io prenda il Cialis alle 21 contando di avere un rapporto alle 23 ma che alle 22 debba uscire di casa per un intervento di lavoro.
A quel punto mi sarebbe utile sapere quanto dura l'efficacia massima del Cialis sia per operare delle scelte sul luogo di lavoro in modo da potere tornare a casa in tempo, sia per potere dire a mia moglie se aspettarmi o no.
Quindi nel mio caso una certa razionalizzazione si impone.
Cordialità.
[#7] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

mi sembra che ci sia un "errore metodologico" nella affermazione " Xatral e al Cialis, associati fra di loro nella terapia della disfunzione erettiva su base psicogena"
Il Cialis è un vasodilatatore,"punto e basta", senz'altro ottimo per le strutture vascolari di un maschio che dopo i 50 anni mostreranno senz'altro problemi di elasticità e calibro.
Vista la sua vivace attività sessuale che presumo avvenga prevalentemente la sera, le consiglierei di assumere lo xatral, tutte le mattine dopo essersi alzato. Il Cialis lo prenda un'ora prima del presunto rapporto consapevole che ha una efficacia che dura molte ore
cerchi di non fare troppi "calcoli temporali"
cari saluti
[#8] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Caro Dr. Pozza,
grazie innanzitutto per la risposta.
Non mi è ben chiara la natura dell' "errore metodologico" a cui lei accenna.
Non è forse vero che i due farmaci, facilitando la funzione erettiva, possono contribuire a fare superare un' ansia di tipo prestazionale che si sia instaurata ad esempio in seguito a circostanze sfavorevoli,com'è nel mio caso, anche se su questo punto al momento non mi dilungo?
Mi conforta poi sapere che l'efficacia del Cialis dura molte ore, in quanto cio' consente un approccio più rilassato all'esperienza sessuale. Mi chiedo solo se esistono studi clinici che quantifichino queste "molte ore",
non per fare in continuazione "calcoli temporali", ma per avere chiara la cosa una volta per tutte e poi di conseguenza non avere più il bisogno di pensarci ulteriormente.
Cordiali saluti.
[#9] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'esperienza clinica e' determinante e non esiste una univoca risposta al tadalafil,nei tempi come nei modi.L'alfa litico non favorisce il rapporto sessuale.Il benessere urinario,si...Condivido il consiglio di allontanarsi da una eccessiva programmazione che potrebbe penalizzare la spontaneita' del rapporto.Cordialita'.
[#10] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Caro Dr. Izzo,
per quanto ne sò lo Xatral dovrebbe avere anche la funzione di impedire che l'adrenalina, prodotta in eccesso da stress emotivo e ansia con un conseguente effetto inibitore sull'erezione, si leghi ai recettori adrenergici del sistema uro-genitale; in questo senso il farmaco dovrebbe favorire il rapporto sessuale.
Quanto al Cialis, pur esistendo una variabilità di risposta da paziente a paziente, non è possibile quantificare un valore medio della durata della massima efficacia?
A mio parere la conoscenza di dati certi al riguardo dei tempi di tale farmaco ha un effetto rasserenante sulla mente e quindi favorisce la spontaneità del rapporto, mentre l'incertezza tende a produrre l'effetto opposto.
Grazie per l'attenzione e cordiali saluti.
[#11] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non credo che le "cognizioni tecniche", mutuate dalla rete, possano sostituire la esperienza clinica di un androsauro (vecchio andrologo) dedicato da 30 anni allo studio di tali patologie.Il "rischio" e' quello di cadere nella rete delle ovvieta' che,fatalmente,enfatizzano le aspettative del Paziente.Non ho altro da aggiungere a quanto segnalatoLe,non solo da me,nei vari post inviatici. Cordialita'.
[#12] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Ci tengo a precisare che quanto ho scritto sopra a riguardo dello Xatral non l'ho tratto dalla rete, bensi' è quanto mi ha detto un medico specializzato in Andrologia.
Questa differenza di pareri non è certamente rasserenante,
per cui chiederei un chiarimento su questo punto agli specialisti in materia.
Cordiali saluti a tutti.