Utente 198XXX
Ho 40 anni e ho gia’ scritto in passato su questo forum riguardo un problema di disfunzione erettile che perdura già da più di un anno. Sia l’urologo consultato ( eco peniena negativa ed eco doppler basale nella norma ) che Voi medici ( pur con i limiti intrinseci del web ) avete ipotizzato una origine psicogena del problema. Siccome a tutt’oggi non sono affatto tranquillo mi vorrei sottoporre a nuova visita andrologica e magari sottopormi ad eco doppler penieno dinamico. Visto che in pratica l’esame consiste nell’indurre un priapismo farmacologico con una dose massiva di prostaglandine chiedo se cio’, oltre ad essere doloroso, possa essere soprattutto PERICOLOSO. Inoltre chiedo se l’eco doppler sia utile per diagnosticare una eventuale disfunzione veno-occlusiva ( leggendo su questo forum il caso di un lettore - utente 35592 - che si era sottoposto a questo esame e che aveva ottenuto una erezione della durata di ben 8 ore il Dott. Pozza non tendeva ad escludere l’ipotesi di fuga venosa anche in presenza di referto negativo in quanto asseriva che la diagnosi di questa patologia è più clinica che strumentale ). Aggiungo che accuso una dolenzia al pene e la cute del pene a volte risulta arrossata specialmente dopo aver praticato la masturbazione.
Ringrazio come sempre per la Vostra disponibilita’.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
GENT.LE UTENTE,
L'esame che Lei si propone non è così pericoloso,ma ascolti,deve essere richiesto eventualmente da un "addetto ai lavori" e non da Lei.
Riesegua una vista specialistica se non è convinto della prima in quanto la prostaglandina è e comunque rimane un esame invasivo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro signore,
L'esame da lei inteso è una comune pratica ambulatoriale, che in mani esperte non comporta alcun rischio, però come detto è opportuno che lei si faccia prima visitare da un andrologo a poi se il collega lo riterrà opportuno sottoporsi ad esami diagnostic
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Prima di eseguire questo tipo di esame che ha un certo grado di invasività e di disconfort per il paziente è opportuna una visita urologica e l'indicazione specialistica all'esame diagnostico in esame che comunque viene effettuato in quasi tutti gli ambulatori di urologia.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

anch'io concordo con lei sulla opportunità di una nuova rivalutaione andrologica, se il suo problema non si è risolto. Sarà poi chi la valuta a decidere o meno sulla opportunità di indagini strumentali.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori