Utente 468XXX
Salve, innanzitutto complimenti e grazie per la possibilità dei consulti on-line che offrite.
Ho 24 anni e il mio problema è il seguente:
Ho da sempre (o quasi) la fobia delle perdite uretrali (non so se la definizione sia corretta)ossia quelle secrezioni che fuoriescono dal pene prima della eiaculazione.
Fino a qualche tempo fa ero proprio ossessionato, praticamente me le sentivo sempre dopo semplici pensieri riguardanti il sesso anche a pene flaccido, e per stare tranquillo ero costretto a vedere se in effetti i boxer si fossero macchiati ma praticamente non lo erano mai.
Col tempo sono riuscito a placare la mia ossessione (era diventata davvero una situazione invivibile!) e a convincermi che perchè si verifichino tali perdite come minimo il pene deve essere in erezione.
Senza dubbio sono quasi riuscito a togliermi del tutto un peso, solo che nell'arco di una settimana mi sono capitate due situazioni abbastanza strane: parlavo con una mia amica di sesso ma senza essere eccitato (con il pene sempre a riposo).
Dopo circa 30/40 minuti che parlavamo ho percepito la sensazione di un liquido che usciva dal pene. Sono andato in bagno a vedere e in effetti ho trovato una goccia di un liquido sui boxer.
La prima volta ho pensato che fosse una piccola perdita di urine...Dopo solo 2 giorni mi è capitata una situazione identica:
sempre parlando di sesso con una mia amica e soprattutto col pene non in erezione ho avuto la stessa perdita.
In entrambi i casi non sono mai stato eccitato e il mio pene è rimasto sempre a riposo.
Ora mi chiedo: di cosa si tratta? E' quella secrezione uretrale che contiene spermatozoi? O qualcos'altro?
La cosa mi sta tormentando, spero vivemente che possiate aiutarmi.
Grazie, distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non si tormenti perchè ciò che accade é un normale meccanismo riflesso che,in condizioni di eccitamento mentale,prepara il pene all'eventuale coito,lubrificandolo.Per fare un esempio ,é paragonabile all'acquolina in bocca dinanzi ad un pietanza. Generalmente non contiene spermatozoi ma attenzione ai falsi negativi...Piuttosto,perchè non ne approfitta per farsi consigliare dal Suo medico un andrologo per chiarirsi questi e tanti altri dubbi sulla Sua genitalità riprodutiva e sessuale ?Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
io approfondirei per escludere cause infiammatorie prostatiche
[#3] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Innanzitutto ringrazio il Dr. Izzo e il Dr. Benedetto per la tempestività nel rispondere e per le risposte stesse.
Vorrei solo precisare che gli eventi descritti sono di circa di una settimana/10 giorni fa...E sono stati dei casi isolati nel senso che non ho più avuto le perdite descritte.
Lo so per certo in quanto ad ogni minima sensazione ho prudentemente controllato eventuali perdite e non ne ho mai trovate.

Per cui potrebbe essersi proprio trattato di secreto eccitatorio (se così si chiama)?
Tali secrezioni possono verificarsi anche a pene non in erezione?

Grazie, saluti.
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore non mi sembra il caso di allarmarsi o ancor peggio avere la fobia della secrezione pre spermatica: si tratta di una situazione normale e comunissima che capita a tutti i maschi chi più chi meno.
Dunque in questi casi occorre solo serenità e non autosuggestione.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Grazie Dott. Masala per la risposta.
Potrebbe darmi delucidazioni riguardo tale secrezione?
Vorrei capire in effetti quando avviene (con pene in erezione o meno)e se può essere davvero rischiosa ai fini della fecondazione.
Grazie, saluti.
[#6] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Salve, qualcuno potrebbe gentilmente darmi le ulteriori delucidazioni richieste?
Grazie, saluti.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
confermo quanto già scritto dal collega Izzo. le secrezioni preeccitatorie si verificano generalmente a pene eretto e preparono l'uretra , alcalinizzandola , per la successiva fuoriuscita di spermatozoi. Possono essere presenti spermatozoi , non sepmre.
Comunque, visto il suo problema, è giunto il momento per presentare "in diretta" la sua "situazione clinica" ad un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non per nulla si chiama "secrezione eccitatoria". Può verificarsi in caso di eccitazione sessuale, dovuta a qualsiasi movente. Non occorre intraprendere un atto sessuale qualsiasi! I sensi sono 5 e quindi 5 le possibilità :)... Tatto, gusto, olfatto, vista ed odorato.
Non è necessariamente richiesta l'erezione. Può trovare gli slip macchiati di questa secrezione anche a pene ritornato flaccido o a pene che sta per andare in erezione. Non deve preoccuparsi, visto che rientra in un fenomeno normale. Entro certi limiti ovviamente.
Perchè lo stesso fenomeno, accompagnato tuttavia da altri segni e sintomi clinici, potrebbe essere l'epifenomeno di processi flogistici a carico della via genitale o delle ghiandole annesse. Tocca al Medico fare diagnosi.
Auguri affettuosi per tutto ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO

[#9] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
concordo con il prof Martino
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta la valutazione , se lo desidera, ci tenga poi informati.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org



[#11] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
attendiamo sue nuove
[#12] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Grazie ai dott.i Beretta, Martino e Benedetto per le risposte.
Essendo uno studente fuorisede, appena tornerò nella mia città valuterò l'idea di una visita, mi sono comunque tranquillizzato per il fatto che l'episodio sia stato solo un caso isolato, escluderei perciò un'ipotetica infiammazione/malattia. Non voglio peccare di presunzione e sentirmi andrologo/urologo di me stesso, seguirò perciò comunque i vostri consigli.


[#13] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Trovandoci nell'argomento, ne approfitto per esporvi un mio problema che forse definirei psicologico e magari un consiglio da persone competenti quali siete potrebbe essermi davvero d'aiuto per vivere più sereno.

Come avevo accennato nel primo post vivo un po' con la fobia di tali perdite preeiaculatorie. Quando si verificano ho come la sensazione di sentirmi sporco e considero anche i vestiti che indosso tali.
Non sempre però ho la possibilità di lavarmi dopo aver avuto le perdite in questione...Perciò mi trovo a vivere davvero male queste situazioni, ossessionato dal fatto di "non essere pulito". Addirittura evito anche il contatto delle mani coi genitali attraverso i vestiti, in quanto temo di venire a contatto con tale secrezione e "sporcare" ciò che toccherei in seguito.
Le difficoltà più grandi le riscontro quando sono in intimità con una ragazza, infatti ho il terrore di queste secrezioni eccitatorie e quando capitano è una tragedia!

Sono esagerato? Come dovrei vivere tali situazioni?
Se tali perdite si verificano in effetti devo considerarmi sporco?
...So che è normalissimo che tali secrezioni avvengano ma non so gestire la cosa, chiedo perciò il vostro aiuto.

Grazie e scusate se mi sono dilungato eccessivamente.
Cordiali saluti.
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
le sue attuali argomentazioni fanno pensare anche ad alcune tematiche psicologiche , comportamentali. A maggior ragione bisogna consultare in prima istanza un esperto andrologo, capire la reale portata del problema e poi impostare le necessarie strategie terapeutiche.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#15] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
mi ha colpito una Sua affermazione:
"So che è normalissimo che tali secrezioni avvengano ma non so gestire la cosa"
Tale frase denota, innanzi tutto grande intelligenza e sensibilità da parte Sua nell'avere cosceinza della normalità di un fenomeno, ma in aggiunta a ciò, una richiesta di aiuto per affrontarne i ridvolti psicologici o dovrei dire forse psicopatologici. Ecco allora che la strada giusta si delinea quasi in naiera automatica. Escluso con una visita Andrologica la possibilità, che io credo remota, che possa trattarsi di un segno clinico che abbia qualsivolgia attinenza con patologie organiche delle ghiandole annesse all'apparato genitale, direi che un consulto presso uno psicosessuologo sia la soluzione più giusta al momento.
Questo è il mio consiglio
Ci tenga informati se lo desidera dell'evoluzione della faccenda.
Affettuosi auguri per tutto ed un cordialissimo saluto
Prof. Giovanni MARTINO
[#16] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio i Dott.i Beretta e Martino.
La situazione descritta all'inizio, riguardo le perdite che avevo trovato nei boxer, per fortuna non si è più verificata.
Grazie alle vostre risposte e quelle dei vostri colleghi ritengo proprio che le perdite in questione siano avvenute nella totale normalità e non penso che siano associate ad una qualche ipotetica malattia, la prudenza però non è mai troppa e appena possibile effettuerò dei controlli.

Per quanto riguarda invece il "fattore psicologico" che mi fà temere queste secrezioni eccitatorie, ritengo che la causa sia il fatto che io non abbia mai ricevuto un'educazione/informazione a riguardo (credo che l'educazione sessuale andrebbe istituita nelle scuole) ed essendo io per natura una persona che tende ad estremizzare le cose e a tener conto (anche in maniera esagerata) di tutte le conseguenze e possibilità che potrebbero avvenire, mi ritrovo a comportarmi in questo modo.
Si dice che prevenire sia meglio che curare, forse però io prevengo troppo...Proprio per questo chiedo delucidazioni e informazioni da parte vostra, dottori competenti di cui posso fidarmi, ritenendo che possano già essermi di grandeaiuto.

Confidando nella vostra disponibilità, chiedo solo una "guida al corretto comportamento" per affronare nel modo più sereno possibile delle situazioni comuni e normali, associata ad informazioni per capire meglio la cosa.

Spero di non abusare della vostra disponibilità.
Cordiali saluti!
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
le sue osservazioni generali e particolari sono sagge e corrette.
Confidi pure sulle nostre "modeste disponibilità" ed informazioni se queste le possono essere utili.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org


[#18] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Genitle Utente,
la Sua lucidità e capacità di introspezione sono davvero ammirevoli. Credo che di qualsiasi problema possa trattarsi, il Suo modo di approccio alla componente psicosessuologioca sia di certo il migliore e quello in grado di comportare i più brillanti risultati.
A proposito dell'obbiettivo di guarigione e(o di comprensione della sostanza del problema specifico, la disponibilità mia e di tutti i Colleghi presenti nel Forum è ovviamente massima. Ma, alemno per quanto mi riguarda, confesso di non avere armi e strumenti professionali idonei ad aiutarLa nel modo migliore. Insomma non sono nè uno psichiatra e nè uno psicologo, figure professionali che reputo le sole all'altezza di fornirLe l'aiuto necessario. Quindi, come suol dirsi, mi faccio da parte e lascio ai Colleghi le competenze nel caso specifico.
Ancora Le confermo la completa disponibilità per ciò che è di mia competenza.
Affettuosi auguri ed un caloroso saluto
Prof. Giovanni MARTINO
[#19] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio i gentilissimi Dott.i Beretta e Martino per la disponibilità offerta, ritengo che questo Vostro servizio sia davvero molto utile ed interessante.

Tornando all'argomento, spero di non dover ricorrere a psichiatri o psicologi, sinceramente pensare di arrivare a tanto mi mette i brividi...Sarà che associo tali figure a "guaritori" di malattie mentali che rasentano la pazzia, spero vivamente che non sia ancora il mio caso.
Credo piuttosto che qualche chiarimento possa davvero indirizzarmi verso il giusto modo di vedere la cosa.

Come avevo spiegato in precedenza, la mia ignoranza in materia mi porta ad agire secondo le mie descrizioni: mi trovo cioè a temere tali secrezioni eccitatorie come se fossero qualcosa di "pericoloso".
In questo Forum e in altri di simili argomenti spesso ho letto che le perdite pre-eiaculatorie possono contenere spermatozoi e di conseguenza essere cause di gravidanze.
Ho letto inoltre che gli spermatozoi, seppur in casi rari, riescono a passare attraverso i tessuti (ad esempio attraverso i boxer) e mantenere il loro potere fecondante.
Noto ciò, quello che deduco è che fare petting indossando gli slip con i genitali a contatto potrebbe essere rischioso ai fini della gravidanza, questo perchè viene prodotto il secreto eccitatorio che appunto in potenza è fecondante.
Da qui nascono le mie paure.

Leggere qua e là che esistono basse probabilità che un concepimento avvenga, che bisogna non prestare attenzione a certe cose come fanno tutti o che i casi sono molto rari non mi tranquillizza affatto.
Per potermi tranquillizzare devo avere certezze e non basarmi sulle basse probabilità o ispirarmi a come agiscono gli altri sperando sempre in bene.

Chiedo perciò a Voi esperti se sono davvero esagerato io ad avere tutto questo timore, se mi faccio troppi problemi inutili.
Vorrei inoltre una sorta di "consulenza tecnica" che spieghi davvero come vanno le cose, qualora quelle riportate da me sulle "vicende" degli spermatozoi possano essere considerate non valide.

Ringrazio di cuore, saluti!
[#20] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
a mio modo di vedere, devo purtroppo confermarLe che le pratiche di "petting" genitale non sono mai totalmente e completamente prive di rischio di concepimento. Le probabilità possono essere discutibili, ma di principio non può essere esclusa l'eventualità di fecondazione. Esiste in merito anche tutta una letteratura giuridica derivante dalle numerose pratiche messe in atto per il riconoscimento di paternità.
Il sapere è già prevenire.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#21] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se vuole avere certezze e stare tranquillo deve seguire le sagge osservazioni del collega Martino.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#22] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori, vi ringrazio per le risposte...
Sempre disponibili e tempestivi!
Un'ulteriore domanda:
Se si è vestiti entrambi, durante il petting, in presenza di perdite pre-eiaculatorie vi è sempre una possibilità di un'eventuale gravidanza?
Grazie, saluti!
[#23] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
intende dire indossando un cappotto? :) :)
Ci ragioni su un attimo: se Lei fa petting genitale, non spinto ma molto spinto, indossando slip e pantaloni...Le pare possibile una fecondazione? :)
Lei è molto simpatico :)
Un caro ed affettuoso saluto
Prof. Giovanni MARTINO
[#24] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Prof. Martino, innanzitutto la ringrazio per la risposta e le confesso che se leggo un suo post "rassicurante", come in questo caso, mi fà più piacere che sia suo piuttosto che di un suo collega (senza nulla togliere agli altri illustri e competenti dottori, per carità!). Dico ciò perchè, avendo letto molti altri consulti dove lei è intervenuto, la vedo come colui che dà pareri oggettivi senza escludere tutte le possibilità (anche spiacevoli a volte) nelle varie circostanze che si presentano, a differenza di altri che magari tendono più a rassicurare tralasciando i problemi che potrebbero presentarsi.

Tornando a noi, mi sono decisamente espresso male nel mio post precedente, con "vestiti" non intendevo dire in giacca e cravatta ma in indumenti intimi: boxer (lui) e slip (lei).
Lo sfregamento dei genitali protetti (per modo di dire) dagli intimi, a seguito di una perdita di liquido pre-eiaculatorio o meglio di un'eiaculazione, è a rischio?
Potrebbe portare ad un'eventuale gravidanza?

Grazie, saluti.
[#25] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
innanzi tutto non posso che ringraziarLa per le cortesi parole.
Credo come a molti, sarà capitato anche a Lei di iniziare un rapporto sessuale con "petting", indossando ancora indumenti intimi. E avrà di certo notato che spesso capita di "bagnare" lo slip, con la conseguente formazione di una chiazza umida più o meno ampia. Bene questo è quello che può capitare. Lascio a Lei l'interpretazione. A mio parere, credo che, seppure molto, ma molto ma molto lontanamente, l'ipotesi che Lei teme sia proponibile.
Insomma, se proprio vuoLe la sicurezza maggiore possibile, non Le resta che indossare un profilattico PRIMA di iniziare qualsivoglia pratica di preliminare sessuale.
Affettuosi auguri per tutto e, mi raccomando, attenzione!
Cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#26] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Dott. Martino la ringrazio per la risposta.
Approfitto della sua gentilezza per aver ancora un paio di delucidazioni (non escludo che le domande possano sembrarle piuttosto banali ma preferirei chiarire i miei dubbi):

E' possibile che tali secrezioni possano "passare" attraverso i boxer e i pantaloni della tuta o jeans?

Inoltre, il potere fecondante di tali secrezioni quanto dura?

La ringrazio, saluti.
[#27] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
più che banali le Sue domande sembrano proprio delle curiosità :)
Il passaggio attraverso uno slip? Mi pare plausibile, ma dipende da quanto è "imponente" la secrezione di cui parliamo. Il passaggio attraverso un jeans, un pantalone...o un cappotto? Beh direi che mi sembra davvero meno plausibile. Potere fecondante di questo liquido? Impossibile una stima, dipende da troppi fattori, ed in primo luogo dalla stessa presenza o meno di spermatozoi.
Posso chiederLe cosa Le è capitato per chiedere informazioni su un argomento così specifico? :)
Cari saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#28] dopo  
Utente 468XXX

Iscritto dal 2007
Gentile prof. Martino, la ringrazio per la risposta e le delucidazioni che mi ha fornito.
Non mi è accaduto nulla in particolare perchè io faccia tali domande, semplicemente, trovandomi spesso in intimità con ragazze, preferisco essere a conoscenza delle cose per affrontarle nel giusto modo (anche se non so ancora se il mio modo così esageratamente precauzionale/ossessivo sia davvero valido).

Potrebbe gentilmente spiegarmi quali sono le cause per cui siano presenti spermatozoi in tale secrezione pre-eiaculatoria?

Grazie, saluti.