Utente 200XXX
Salve a tutti, a mio figlio è stata diagnosticata la scapola alta congenita o deformazione/sindrome di Sprengel all'età di un anno. Lo specialista ha consigliato di operare entro breve tempo, ossia entro il compimento dei 3 anni anche se vuole rivederlo l'anno prossimo (a due anni), poichè ha riscontrato una normale funzionalità articolare ed un normale tono-trofismo muscolare dei muscoli dell'articolazione interessata. Sono comunque indeciso data, secondo me, la delicatezza di un intervento chirurgico in età così infantile e quali potrebbero essere gli eventuali incovenienti.

Vorrei sapere e conoscere da voi a chi rivolgermi come istituti in Italia che hanno esperienza in questo campo, ossia nella chirurgia pedriatica.

Distinti Saluti e grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessio Bosco
32% attività
0% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Buongiorno,
La scapola alta congenita vera è una patologia rara dovuta ad una malformazione della scapola stessa e spesso ad un ponte fibroso o addirittura osseo che ancora la scapola al tronco. Spesso si può confondere per tale una asimmetria della delle scapole dovuta ad una sottostante scoliosi o ad una dismetria degli arti inferiori. In realtà solo i casi in cui ci sia una deformità della scapola, un ponte osseo/fibroso ed un deficit dell'articolarità necessitano di una soluzione chirurgica.
Nel nostro Istituto effettuiamo l'intervento correttivo; le consiglio però di aspettare almeno i 4 anni di vita e di valutare bene la necessità dato che è un intervento di una certa entità.
Spero di esserle stato utile