Utente 183XXX
Gentile Dottore già da qualche giorno avevo una leggera tosse stizzosa che pensavo fosse residuo di una recente influenza; questa mattina vado al cimitero e mi accorgo dopo pochi attimi che la tosse diventa sempre più forte e ininterrotta, al punto da non poterla controllare in alcun modo; sono scappata letteralmente, trovando un po' di sollievo in macchina. Questo pomeriggio sono andata dal mio medico curante che non ritiene necessarie le prove allergiche; mi dice che anche se dovessi scoprire una allergia al cipresso, non ci sarebbe comunque nessuna cura, l'unica cosa che posso fare è evitare i luoghi "pericolosi". La prego di rispondere a queste domande: sono stata decine di volte al cimitero negli ultimi anni e non mi era mai successo nulla di simile, perchè all'improvviso questi sintomi? Le prove allergiche sono davvero inutili come afferma il mio medico di famiglia? Un'ultima domanda da vera ignorante: si rischia lo shock anafilattico con questo tipo di allergie? Grazie per la pazienza e la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
L'allergia al cipresso è una sensibilizzazione emergente e in forte ascesa. Ritengo sia necessario fare le prove allergiche in quanto esiste una vaccino e lei non sa se è sensibile solo al cipresso,
Dissento da ciò che pensa il suo medico e vorrei vedere se succedesse a lui. Le allergie non bisogna mai sottovalutarle.
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore, grazie per la rapidità della Sua risposta. Andrò da un allergologo e approfondirò la faccenda; ora che ci rifletto da qualche tempo ho anche delle eruzioni pruriginose su braccia, collo e viso... mi sembra che la questione meriti di essere approfondita. Grazie di nuovo.