Utente 193XXX
Gent.ssimi dottori,
ho già richiesto un consulto un pò di tempo fa per l'insicurezza sulle dimensioni del mio pene (14 cm misurando dalla radice dorsale e senza premere contro l'osso, 12 cm di circonferenza). Mi sono recato da un urologo andrologo nella mia città che mi ha rassicurato. Eppure quest'ossessione continua. Nonostante mi sia recato in consultorio per parlare di questo e altri problemi di insicurezza, dopo molti incontri mi è stato detto che non ho bisogno di una terapia psichiatrica vera e propria. Sto con una ragazza ormai da un anno, ma non sono ancora riuscito a procurarle un orgasmo e questo non mi aiuta. Ci sono periodi in cui sono più sicuro delle mie dimensioni e periodi in cui continuo a misurarmi e a desiderare almeno un paio di centimetri in più. Tra i miei amici sembro essere l'unico ad avere queste dimensioni(almeno credo) e sulla media italiana anche i dottori sembrano avere pareri discordanti. Alcuni studi dicono tra i 14 e i 16 cm, e in questo caso io sarei nella fascia inferiore, altri dicono 13 cm, e in questo caso supererei la media, altri ancora riportano una media di 15 cm, che mi fa sentire comunque inadeguato anche se solo per un cm e così via, di studi ce n'è un'infinità.
Mi sembra che non ci siano risposte sicure su quale sia questa benedetta media e io mi sento costantemente al limite tra un normo e un ipodotato. Vorrei avere la certezza scientifica sulla media italiana, per capire in che fascia rientro e se sono davvero ipodotato. So che da un punto di vista scentifico le dimensioni non contano molto (entro certi limiti), tuttavia l'esperianza reale sembra smentire questa affermazione, per quanto supportata da dati scientifici attendibili

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,...e' nella media... ma il problema e',palesemente,legato ad una insicurezza che,non risolta dal medico,deve essere presa in carico da uno psicosessuologo.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo al DR.Izzo nella risposta.
Le dimensioni del pene, amplificano nuclei di insicurezza, correlati all'arte amatoria...mi sento di rassicurarla, in quanto l'orgasmo femminile, non è affatto dimensioni del pene-correlato.
Si rivolga ad uno psico-sessuologo, con cui fugare dubbi ed incertezze e, ritrovare la serenità smarrita.
Legga, se desidera, questi miei articoli, troverà qualche spunto di riflessione.
Cari saluti
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/459/I-preliminari-per-la-sessualita-femminile-sono-davvero-importanti

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/150/Orgasmo-femminile-vaginale-o-clitorideo

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/122/Genitalita-maschile-ed-ansia-da-dimensione-ed-impreparazione
[#3] dopo  
Dr. Andrea Biserni
24% attività
4% attualità
12% socialità
PIEVE SANTO STEFANO (AR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Gentile ragazzo,
condivido i pareri del Dr. Izzo e della Dr.ssa Randone, i suoi dubbi e timori relativi alla dimensione del suo pene non sono altro che una manifestazione di una sua insicurezza profonda, che ha "scelto" di manifestarsi simbolicamente attraverso dubbi ansiosi sulle dimensioni del pene, simbolo di virilità e forza. E'opportuno che prenda in considerazione la possibilità di rivolgersi ad uno/a psicoterapeuta, meglio se con formazione aggiuntiva in sessuologia, per autoesplorarsi, elaborare i vari aspetti e superare gradualmente la sua vulnerabilità psicologica di fondo.
Le faccio i miei migliori auguri e la saluto cordialmente.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

Nell'ambito della mia casistica personale ( oltre 10.000 pazienti negli ultimi 5 anni) la media della lunghezza del pene, in modesta trazione, dall'osso del pube alla punta del glande è 13 cm
In erezione il pene può avere lunghezza maggiore.
Perchè non si fa una chiaccherata con uno psicosessuologo?
Il fatto che la sua ragazza non ottenga sempre un orgasmo non può dipendere dalle dimensioni del pene.
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Gent.ssimi dottori,
ringrazio vivamente la Vostra disponibilità e tempestività nel fornire risposte precise e sincere.
Cercherò di fare tesoro dei Vostri consigli.
La ringrazio Dottor Pozza per la precisione della Sua risposta; 13 cm di media itaiana è un dato che già conoscevo, ma non pensavo che in trazione si dovesse premere contro l'osso, credevo che si dovesse misurare come in erezione, da sopra e appoggiando il righello sul pube, senza premere contro la sinfisi pubica.