Utente 203XXX
Buongiorno ho una grave disfunzione erettile che mi sta logorando e ho bisogno di aiuto.
E' un problema che da che mi ricordi ho sempre avuto e non ho mai curato per paura e vergogna.
Ho 31 anni e ho fumato per 14 (due pacchetti di sigarette al giorno)
Non fumo più da due anni e mezzo, non bevo e non faccio uso di droghe.
Ho perso 15 kg perchè stavo sfiorando l'obesità.
Sono stato operato di reflusso bilaterale e plastica alla vescica da bambino e a 18 anni di varicocele sinistro.
Ho una forma (non so quanto grave) di fimosi che non mi permette di scoprire il glande completamente durante le pseudo erezioni, ma completamente solo se il pene è completamente flaccido.
Da che mi ricordi ho sempre avuto problemi di erezione e non riesco ad avere dei rapporti sessuali perchè l'erezione non completa non me lo permette.
Quando fumavo l'erezione era al 60% alla base e al 20% sul glande.
Ora ho una erezione all'80% alla base ma pessima sul glande (60%) che continua a non permettermi una penetrazione.
L'erezione (se così si può chiamare) oltre a non essere completa dura decisamente poco.
Ci sono altre pratiche sessuali che si possono fare per provare piacere ma la penetrazione mi è sempre mancata.
Provo piacere e non mi manca di certo la voglia.
La cosa è frustrante e ora è arrivato il momento di risolverla.
Oggi avrò il primo consulto dal medico di famiglia e non so cosa aspettarmi.
Vorrei avere un parere anche da voi in modo da poter avere più pareri e non cadere in mani di ciarlatani.
Non so come fare per trovare un andrologo competente (le pagine gialle non mi danno molta sicurezza in questo) nella mia zona.

Grazie in anticipo per l'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,consulti in sito della Societa' Italiana di Andrologia (www.andrologiaitaliana.it) con fiducia.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
Il primo responso del medico di famiglia è stato che la fimosi deve essere assolutamente operata da un chirurgo, poi se i problemi di erezione non si risolvono, contattare un andrologo e vedere soluzioni alternative. Il medico di ieri dice che la fimosi come la mia possa essere causa di problemi, e che il fatto che il glande non si indurisca possa essere un fatto sia fisico causato dalla chiusura, sia psicologico .....
Cosa ne pensate?
Perchè mi fa visitare e operare da un chirurgo e non da un urologo o da un andrologo?
Mi è stato detto che la risoluzione è la circoncisione, ma il glande cometamente scoperto mi da parecchio fastidio a causa della ultrasensibilità, è un problema che scompare?
Sessualmente cambia qualcosa?